Elaborazione Vespa 50

La Vespa 50 non è uno scooter, ma un mito!

Come molti scooters si presta a trasformazioni ed elaborazioni. In questa pagina verrà illustrata l’elaborazione di una Vespa 50 PK Special del 1983 che stiamo realizzando nel tempo libero. Per ora sono state inserite solo alcune foto con brevi descrizioni dei singoli interventi, ma a breve verranno illustrati tutti i dettagli tecnici ed i motivi di certe scelte.

La prima lavorazione del carter

Per prima cosa è necessario tagliare la parte indicata nella foto per creare lo spazio necessario all’installazione del nuovo cilindro Zirri.

Spianatura del carter Vespa 50

Una volta tagliato il carter è necessario spianare la zona con una macchina utensile in quanto l’area costituisce la base di appoggio del cilindro.

Chisura del condotto di aspirazione sul carter della Vespa 50

Con tutti i kit di modifica per i motori della Vespa 50 che prevedono l’aspirazione sul cilindro viene fornito un tappo per chiudere il condotto di aspirazione sul carter. Su questo motore si è invece preferito chiudere il condotto mediante saldatura ad arco in atmosfera protetta (argon) in modo da avere una parete perfettamente liscia all’interno del carter.

Il vecchio condotto di aspirazione visto dall'interno

Una volta saldato si è lavorata la superficie interna del carter in modo da spianare le protuberanze lasciate dalla saldatura. Il diametro dell’alloggiamento dove gira l’albero motore non è stato aumentato.

Barenatura dell carter esterno di una vespa 50

Poiché si è deciso di installare un albero pieno con spalle dello stesso diametro (per ridurre al minimo sbilanciamenti e vibrazioni) è stato necessario allargare l’alloggiamento dell’albero motore a 88,5 mm di diametro (stesso diametro dell’alloggiamento sul carter interno).

Lavorazione dei travasi di un cilindro per Vespa 50

Il cilindro Zirri ha dei travasi ovviamente più grandi per cui i carter sono stati fresati a mano per raccordarli alle luci di travaso del cilindro. Questa è un’operazione che va eseguita con molta cautela in quanto dopo la lavorazione lo spessore della parete si riduce notevolmente ed è facile "bucare" il carter. Su alcuni tipi di carter è necessario apportare del materiale mediante saldatura altrimenti non è possibile raccordare correttamente i travasi.

Travaso della Vespa 50 allargato e lucidato

Una vista del travaso sul carter esterno della Vespa 50 dopo la lavorazione.

Il travaso sul carter interno della Vespa 50

Una vista del travaso sul carter interno.

Lavorazione del carter esterno Vespa 50 per l'installazione della marmitta Zirri

Per poter installare la marmitta ad espansione Zirri e necessario tagliare ulteriormente il carter esterno nella parte finale del convogliatore aria di raffreddamento. La foto mostra la quantità di materiale da rimuovere.

Il carter esterno della Vespa 50 dopo la lavorazione

Così si presenta il carter dopo l’asportazione del materiale. Notare che è stato lasciato circa 1 cm di spazio per facilitare l’installazione del collettore di scarico e della marmitta.

Vista del motore della Vespa 50 pre assemblato

Una volta terminate tutte le lavorazioni dei carter si è proceduto ad un pre-assemblaggio provvisorio del motore (solo carter, cilindro, testata e marmitta) per vericarne la compatibilità con il telaio. La foto mostra la parte posteriore del motore.

La vista anteriore del motore Vespa 50

E questa è la vista anteriore. Notare il percorso sinuoso nella parte posteriore della marmitta realizzato per girare intorno all’ammortizzatore posteriore della Vespa 50.

Il motore installato sulla Vespa 50 PK Special

Il motore è stato inserito nel telaio per controllare le escursioni e gli spazi disponibili. Sulla Vespa 50 modello PK Special (quella nella foto è del 1983) è purtroppo indispensabile eseguire anche due modifiche sul telaio. Come si nota nella foto, quando l’ammortizzatore si comprime la parte posteriore della marmitta urta contro il lamierino di supporto della ruota di scorta; è quindi necessario asportarne una parte (zona tratteggiata di nero nella foto).

Il telaio della Vespa 50 PKS modificato

La lamiera è stata tagliata con un frullino e poi opportunamente raccordata per eliminare tutti gli spigoli vivi (che innescano rotture).

La modifica della zona ammortizzatore di una Vespa 50

Sulla Vespa 50 PKS è necessario spostare in avanti anche l’attacco superiore dell’ammortizzatore altrimenti lo stesso interferisce con la marmitta. Come si vede in figura è stato praticato un’altro foro sulla lamiera che in quella zona e veramente poco resistente. Per rinforzare il nuovo attacco verrà realizzata una piastra in acciaio di 3 mm di spessore che sarà opportunamente sagomata per adattarsi agli elementi esistenti e poi saldata.

Il motore installato sulla Vespa 50

Terminati tutti i tagli e gli aggiustamenti si è provveduto ad un’ulteriore verifica dell’installazione rimontando il motore sul telaio. Poiché non sono state riscontrate interferenze e/o problemi il motore è stato rismontato dal telaio per essere assemblato in maniera definitiva mentre per la scocca si procederà all’irrobustimento della zona di attacco dell’ammortizzatore installando una piastra di rinforzo.

La piastra di rinforzo per la zona d'attacco dell'ammortizzatore Vespa 50

La piastra di rinforzo già sagomata inserita in sede e pronta per la saldatura.

La zona di attacco dell'ammortizzatore Vespa 50 rinforzata mediante una piasta saldata

La piastra di rinforzo saldata in sede; con quest’ultima modifica al telaio si sono concluse le lavorazioni "strutturali" ai vari componenti del motore e del telaio della Vespa 50.

Una volta terminata l’elaborazione e la messa a punto del motore con l’installazione del cilindro M1L e della marmitta M3XC prodotta da Zirri verrà riverniciato il telaio. I suggerimenti e le istruzioni per l’assemblamento del motore le trovate a pagina 2.

Se desiderate informazioni utilizzate il form per i commenti: saremo lieti di scambiare esperienze.

Pagine: 1 2 3

********************* ^^^^^^^^^^^^^^ *********************

Guardate gli ultimi 15 secondi di questo brevissimo video: mostra un vespino preparato da "Falc" per le gare di accelerazione …. impressionante vespa 50 elaborata

Un commento su "Elaborazione Vespa 50."

  1. ciao.. in passato mi avete aiutato molto con vari consigli e tante altre cose e qualche giorno fa mi si e posto un dubbio.
    allora innanzi tutto parliamo di un blocco originale.. quindi albero campana ecc tutto originale… l’ ho aperto giusto per rinnovare cuscinetti, paraoli olio, fasce e tutto il resto.
    la cosa ke non riesco a spiegarmi e che una volta chiuso i due carter l’ albero ha molto attrito, e con le mani non riesci a farlo girare… cosa puo essere??? e pure ci sono cuscinetti nuovi e l albero e originale, quello che c era montato prima.
    comunque io vedendo che il motore girava ugualmente ho finito di montare tutto.e va tuto troppo forte, non so se ho reso l idea. cosa faccio apro di nuovo tutto? eppure ogni cosa e al suo posto… tutto va come deve andare.. spero che possia te consigliarmi al meglio… grazie

  2. Ciao,m’hanno appena consegnato un 50 special con motore 75 cc ma con carburatore 16/10,velocità max 55 km/h circa.Il problema,se è un problema,sussiste quando sono in quarta marcia,a paletta,il motore sembra vada un pò sù di giri,come se cercasse la quinta marcia.E’ normale,o c’è qualcosa che non và nel rapporto motore/carburatore?…ciao,grazie!!

  3. ma che marmitta mi consigli di mettere su un pk con un 55(102cc) con carburatore 19/19,frizione rinforzata a 7 dischi? mi serve allungo.

  4. scusa se ti disturbo ancora ma che marmitta mi consigli di mettere su un pk con un 55(102cc) con carburatore 19/19,frizione rinforzata a 7 dischi?mi serve allungo.

  5. Ciao Domenico ,

    la forcella zip si monta su tutti i modelli vespa ma è un lavoro abbastanza complesso e molto delicato , sul quale non abbiamo esperienza.

    Se effettui una ricerca in internet , troverai molti forum che ne parlano ed anche in maniera approfondita con foto e tutto quello che occorre per fare il lavoro.

    A presto!

  6. scusa se vi disturbo ancora,volevo sapere se al mio pk s posso montare una forcella anteriore di zip con il freno a disco!!!!! grazie

  7. Ciao Domenico!

    Se leggi qualche post più in basso , trovi le risposte alle domande che mi hai fatto.
    In generale , comunque , le 3.50 montano senza nessun problema ; al limite potrebbe essere necessario installare una rondella per ogni bullone di fissaggio del cerchio (ovviamente sotto al cerchio) per distanziarlo un pelo.

    Questo dipende principalmente dalle differenze di fusione dei vari carter e dalle piccole modifiche occorse nel tempo.

    Buon lavoro!

  8. ciao,ho un pk, vorrei sapere se dietro potrei montare una ruota di dimensione 3.50, che monterò di sicuro anche avanti perchè ho montato una 100-90-10 ed è un po grande.cmq dietro gia la 3.00 nn tocca per poco come devo fare allora? attendo risp grazie

  9. Ciao Pierluigi ,

    come ti ho scritto già l’altra volta , i copertoni 3.50 dovrebbero starci senza problema.
    Gli unici punti dove potenzialmente strisciano sono la molla dell’ammortizzatore posteriore e un poco sul braccio del motore , ma non su tutti i motori.

    Il problema si risolve sostituendo l’ammortizzatore con uno per PK (ha la molla più stretta) ed eventualmente mettendo , come spessore , 1 rondella per ogni prigioniero del tamburo , in modo da distanziare un po’ la ruota.

    Ciao

  10. ciao…vorrei sapere se quando monto il copertone 3.50 posteriore mica tocca vicino al carter?quindi li posso ordinare senza problemi giusto?ciao e grazie

  11. Ciao Alberto e benvenuto sul blog!

    Rispondo subito all’ultima domanda : la potenza reale non la conosco perchè non ho avuto possibilità di testare il motore su un banco prova. però da come tira direi di essere ampiamente sopra i 20cv , magari 22-23….

    Per i prezzi :
    considera che il kit intero (gruppo termico + marmitta + collettore aspirazione) si aggira sui 650€ – 700€ , lo puoi verificare direttamente da Zirri , da DRT , o su ebay (lo vendono in molti).
    Poi ci vuole un buon albero , e qui la cosa è molto soggettiva : io monto uno Zadra (che da molti è ritenuto di medio-bassa qualità) che fin’ora non ha dato nessun problema e che ho pagato 110€ (il suo prezzo è di circa 150€). Però puoi tranquillamente prendere altri alberi e pagarli anche fino a 230€.
    Poi il cambio : la primaria consigliata è la 24/72 , secondo me troppo corta. La si può allungare con il pignone da 25 denti DRT. Costo del pignone circa 30€ e della primaria 50€.

    Se vuoi fare una cosa più seria , ci metti una 27/69 (sempre 50-60€) con aggiunta di una 4° marcia “corta”. Anche per questo hai diverse opzioni , che puoi verificare sul sito DRT , a seconda del tuo budget. La soluzione che ho io prevede la 3° marcia accorciata e la 4° marcia da 49/21 (ottenuta con la 3° ape e modifica dell’alberino quadruplo , costo tot 200€.

    Frizione : almeno una 4 dischi con molla molto dura…. (30€)

    Accensione : noi adottiamo una v-tronic , ma va benissimo anche una originale con peso massimo del volano di 1,6 kg. (se lo porti a 1,2 kg è meglio!)

    Infine ti ci vuole un carburatore bello grosso , un 32 o un 34. Li trovi su e-bay (usati) o magari da qualche sfasciacarrozze montato su qualche 125 stradale. Prezzo 50€.

    Aggiungi il kit paraoli , guarnizioni e fili e sei a posto.
    A rileggere tutta ‘sta lista mi vengono i brividi…. 🙂

    Spero di non aver dimenticato nulla….
    Ciao

  12. Ciao, ho visto la tua elaborazione completa della zirri-quattrini e mi è venuta ancora di più la voglia di elaborare… Volevo sapere se hai possibilità di elencare i prezzi di tutti i pezzi che hai dovuto installare (lavorazione carter esclusa). Inoltre volevo conoscere la potenza effettiva del motore una volta effettuate tutte le raccordature. Grazie, Alberto.

  13. Ciao Pierluigi.

    Per le gomme : le 3.50 sono un po’ più larghe e hanno una circonferenza maggiore che allunga il rapporto finale del cambio. In genere si montano senza nessun problema su tutte le vespe , al limite potrebbe essere necessario inserire sui perni di fissaggio (dove si infila il cerchio) una rondella spessa 1mm.
    Per colorare la scritta puoi usare l’uni-posca (o simile).

    Per il cilindro : esiste un 115cc sia malossi che polini.
    Avendo una cilindrata maggiore , hanno maggior tiro , ma offrono minori possibilità di elaborazione e sono anche un po’ meno affidabili del 102cc visto l’esiguo spessore della camicia. (devono essere carburati perfettamente e con un anticipo dell’accensione preciso)

    Io ti consiglio di tenerti il 102cc (se è in buone condizioni) e di “prepararlo” a dovere : considera che si può arrivare abbastanza facilmente a 11-12 cv mantenendo una buona affidabilità. (11-12 cv è la potenza del 130cc originale!)

    Ciao!

  14. ciao io per l’anno prossimo vorrei cambiare un motore ora ho un 102cc polini….esiste un 110?o 115?cc?poi gli lavoro leggermente i travasi e qual cosa.altro….ciao e grazie mille cmq la vespa è sempre la vespa ciaooo

  15. ciao….io dovrei montare dei copertoni nuovi quelli originali sono 3.00-10 però gli vorrei mettergli i 3.50-10 non dovrò cambiare niente vero?perché il cerchio è sembre 10 quindi si dovrebbe trovare……allora li posso prendere?a e poi vorrei fare la scritta della marca del copertone bianca con cosa si deve fare?con un pennarello intelebile?ciao e grazie

  16. Ciao pierluigi…

    Non ricordo bene se è su questa sezione o su “motore vespa” che rispondendo ad un’altra persona , descrivevo le differenze tra i due tipi di albero (scorrendo indietro con le pagine dovresti trovarlo).

    In linea di massima , l’albero a spalle piene non và bene se si lascia l’aspirazione tradizionale.
    Lo si usa in genere su elaborazioni che hanno un diverso tipo di ammissione , tipo lamellare al cilindro.
    Ti ripeto che se vuoi far girare forte il tuo 102cc , ti devi concentrare sui pezzi che hai senza comprerne altri. Forse l’unico particolare che cambierei è il carburatore : un 24 potrebbe andar bene se si eseguono tutti i lavori necessari.

    Ciao

  17. ciao…ho trovato un’albero motore della top a spalle piene…a poco prezzo!!!ma cosa mi cambia?cioè è più potente?ciao e grazie

  18. Ciao Pierluigi ,

    dunque : i casi in cui è necessario ricarburare (generalmente ingrassando) a seguito di un cambio marmitta sono i seguenti :

    – passi da una originale ad una semi espansione
    – passi da una marmitta vecchia ed attappata ad una nuova della stessa tipologia
    – passi da una semi espansione ad una espansione pura.

    Per quanto riguarda la potenza del tuo 102cc direi che sei intorno ai 7cv-8cv , puoi comunque verificare sul sito Polini qual’è il valore dichiarato.
    Per la vespa non credo esista una versione “corsa” del 102. Comunque se lo vuoi far andare forte , di lavori da fare ce ne sono tanti : considera che hanno tirato fuori da un 102cc anche 15cv , però i lavori li hanno eseguiti persone molto esperte , spesso stravolgendo il motore….

    Ciao

  19. ciao….devo chiedere una cosa….quanti cavalli ha un 102 polini base?a e poi quali sono gli altri tipi?di 102 tipo c’e un polini corsa o altro più potente?ciao e grazie di tutto

  20. Ciao Pierluigi….

    Qualunque lavorazione tramite mola o fresa richiede lo smontaggio del particolare da lavorare , perchè si elimina il rischio di far entrare nel motore i residui della lavorazione stessa.

    Nel caso del cilindro , è necessario smontarlo ed ancorarlo ad una morsa su un bel banco da lavoro.
    Gli attrezzi che in genere si usano sono il trapano e le mole , o meglio ancora il Dremel. Quest’ultimo è un mini trapano da hobbystica che oltre ad avere elevatissime velocità di rotazione , utilizza degli utensili molto piccoli e quindi maneggevoli , adatti ai piccoli fori dei cilindri.

    Per poterti indicare di quanto lavorare il tuo scarico , devo sapere che cilindro è…. In linea di massima è buona norma non allargare mai la luce di scarico oltre il 68-70 % del diametro del cilindro (misura cordale).
    Per quanto riguarda la lavorazione verso l’alto (aumento della fase di scarico) , il discorso è ancora più complicato e necessita di una preventiva misurazione della fase stessa.

    Ti consiglio , se non lo hai mai fatto ,di rivolgerti a qualcuno che ha già eseguito lavori di questo tipo o di fare delle prove su cilindri inutilizzabili , tanto per prendere dimestichezza.

    A presto!

  21. ciao sono pierluigi!!!con che attrezzo dovrei allargare la luce di scarico?e di quanti mm?ma mica dovrei levare il cilindro?ciao e grazie

  22. Ciao Pierluigi e benvenuto!

    Ho già risposto molte volte sui vari lavori che si possono fare per migliorare l’efficenza del motore…
    Se scorri nelle pagine precedenti delle varie risposte , troverai molte informazioni su configurazioni molto simili alla tua.(anche nella sezione “motore vespa”)

    In ogni caso , il minimo “sindacale” per far spingere bene il tuo motore è :

    – raccordatura travasi carter a quelli del cilindro (o apertura totale di quelli del cilindro e successiva raccordatura)
    – lavorazione luce aspirazione
    – lavorazione albero motore per modifica fase di aspirazione
    – adozione di un carburatore più generoso (24-26)
    – lavorazione luce di scarico
    – sostituzione della marmitta con una più performante
    – abbassamento testa per ottenere uno squish adeguato

    Se hai domande sui vari interventi , siamo qui….

    Ciao

  23. ciao!!!!io nello mai bellissima vespa ho questi pezzi:motore 102 polini base,carburatore 19/19,marmitta di espansione polini,frizione 4 dischi e ingranaggi piu grandi…..cosa ci posso fare in piu?pero qualcosa per la ripresa ah ah ciaooooo e grazie

1 Ping/Trackbacks per "Elaborazione Vespa 50"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *