La frizione della Vespa

Tutte le Vespa small frame (50, 90 e 125) installano delle frizioni molto affidabili e che in genere non necessitano di particolare manutenzione.
Questi modelli di Vespa sono però anche quelli che più spesso vengono elaborati / modificati per aumentarne le prestazioni sottoponendo così la frizione a sforzi per cui non è stata progettata.

Nel seguente articolo vi illustreremo la manutenzione della frizione di una Vespa 50 PKS elaborata installando un gruppo termico Zirri ML1 e relativa marmitta ad espansione dedicata. Questo articolo si compone di 5 sezioni consultabili clikkando sui seguenti link:

  1. Smontaggio
  2. Assemblaggio
  3. Installazione
  4. Modifica della leva di comando
  5. Regolazione

Smontaggio della frizione di una vespa small frame

Lo smontaggio della frizione è semplice e può essere effettuato con il motore installato sul telaio e senza scollegare cavi. Procedete come segue:

  1. Piegate la Vespa sul lato destro sistemando delle protezioni per evitare sgraffi / danneggiamenti alle parti verniciate.

    Per smontare la frizione piegate la Vespa

  2. Togliete la "chiappetta" [lo sportellino di accesso]

    La Vespa con la "chiappetta" rimossa

  3. Smontate o sollevate la marmitta (dipende dal modello che avete installato). Nel nostro caso (espansione Zirri) l’abbiamo soltanto sganciata e sollevata.

    La marmitta sollevata per accedere alla frizione della Vespa

  4. Rimuovete il dado centrale che fissa il tamburo

    Per rimuovere la ruota posteriore della Vespa basta svitare un dado

  5. Togliete la ruota unitamente al tamburo (non serve smontarla, viene via tutto insieme)

    La ruota posteriore della Vespa smontata

  6. Svitate i tre dadi che fissano il piatto dei freni.

    Rimozione del piatto freni della Vespa

  7. Rimuovete il piatto lasciandolo collegato al filo del freno e sistematelo in modo che non vi dia fastidio.

    Smontate il piatto freni e sistematelo in modo che non dia fastidio

ATTENZIONE: prestate particolare cura durante le seguenti operazioni; con la Vespa piegata qualsiasi cosa vi cada andrà molto probabilmente a finire nel cambio e se non riuscirete a recuperarla vi toccherà aprire completamente il motore ….. quindi …. keep calm and take it easy !

  1. Rimuovete i 6 bulloncini che fissano il coperchio della frizione al carter. Sollevate il coperchio con calma e senza farlo sbattere per evitare che vi cada il nottolino di bronzo di azionamento.

    Il coperchio frizione vespa 50

NOTA: nel nostro caso si è verificato il completo danneggiamento di un disco (quello più esterno) ed i pezzi di materiale sono sparsi un po’ ovunque.

  1. Togliete la piastrina / scodellino su cui lavora il pistoncino.

    Lo scodellino della frizione Vespa 50

  2. Abbassate, aiutandovi con un cacciavite, la linguetta della rondella di blocco e svitate il dado di fissaggio della frizione. Per non farla girare potete incastrare un cacciavite tra i denti degli ingranaggi.

    Lo smontaggio del dado della frizione

  3. Montate l’apposito estrattore e togliete il pacco frizione. Se la frizione è a 4 dischi, lo spazio è pochissimo ed il pacco viene fuori solo in una posizione: ruotate lentamente la campana in modo da posizionare l’asola più grande verso il perno della ruota e provate.

    L'estrattore per sbloccare la frizione della vespa "small frame"

    La campana con il pacco rimosso

  4. Una volta tolto il pacco frizione è necessario aprirlo. Per comprimerlo potete usare una morsa ( …. è sconsigliato perché può scappare dalle ganasce), oppure un bullone di appropriata lunghezza con due adatte rondelle piane.

    Lo smontaggio del pacco frizione

  5. Togliete l’anello seger di blocco aiutandovi con un cacciavite e procedete all’apertura e lo smontaggio dei dischi.

    La frizione completamente smontata

Assemblaggio della frizione di una vespa small frame

  1. Mettete a bagno i dischi frizione per circa 24 ore nell’olio del cambio.
  2. Lavate tutti i componenti metallici.
  3. Assemblate la frizione mantenendo compressa la molla ed inserendo i particolari nella sequenza indicata dalla foto.

    Catalogo delle parti della frizione Vespa 50 (small frame)

    Nel caso di frizioni per motori elaborati e bene usarne una a 4 dischi e con una molla "dura". In commercio ne esistono di vari tipi ed è possibile anche realizzare degli accoppiamenti "personalizzati". Ad esempio, su una campana "standard" si può montare la frizione a 4 dischi della RMS (lo spessore dei dischi è 0.8mmm e l’altezza del pacco è tale che le alette dei dischi impegnano bene gli alloggiamenti della campana). Se invece si preferiscono usare dei dischi più spessi (ad esempio quelli della Surflex) allora sarà necessario piegare le alette dell’ultimo disco in modo che impegnino correttamente gli alloggiamenti della campana. Se l’acciaio è particolarmente duro (come quello utilizzato dalla Surflex) è difficile piegare tutta l’aletta ed allora conviene agire solo sugli spigoli come illustrato in figura (piegando tutta l’aletta si rischia di storcere il disco). Si preferisce sempre montare come ultimo disco uno spesso perché, dovendo piegare le alette, queste saranno più resistenti.

    Le alette della frizione piegate

    NOTA: nel nostro caso abbiamo utilizzato un pacco frizione ibrido montando due dischi spessi (Surflex) e due fini (RMS). Anche per i dischi di scorrimento (quelli senza "sughero",  per capirci) abbiamo usati 2 dischi spessi (originali Piaggio) ed 1 sottile (RMS).

    Per quanto riguarda il coperchio (quello che va sotto all’anello seger) tenete presente che è molto fine (circa 0.5 mm): nelle frizioni a 4 dischi installandolo si migliora l’impegno dell’ultimo disco (quello che ha le alette piegate) con la campana, ma si ottiene una corsa inferiore della frizione (stacca meno), se invece non lo si monta l’effetto sarà l’inverso (meno impegno – che si compensa piegando di più l’aletta -, ma più corsa)

Installazione del pacco frizione

ATTENZIONE: rimuovete la chiavetta … potrebbe cadere nel cambio

  1. Raddrizzate momentaneamente la Vespa e scaricate l’olio. Il cambio va rifornito con circa 1/4 lt e, se è stato necessario sostituire la frizione, conviene cambiarlo in modo da eliminare eventuali particelle che potrebbero compromettere il buon funzionamento.
  2. Lavate il cambio con un po’ di benzina usando una pistola e lasciatelo scolare ed asciugare.
  3. Piegate di nuovo la Vespa sul fianco destro.
  4. Assicuratevi che le zone dove lavorano le guarnizioni siano pulite; se necessario sostituite le guarnizioni.
  5. Inserite la chiavetta nell’albero utilizzando del grasso per tenerla nella sede.
  6. Intallate il pacco frizione assicurandovi che impegni per bene il cono dell’albero (e la chiavetta).
  7. Inserite la rondella di blocco.
  8. Avvitate il dado e serratelo.
  9. Piegate, aiutandovi con un cacciavite, l’aletta della rondella di blocco.
  10. Inserite il piattello su cui lavora il nottolino di bronzo di azionamento.
  11. Inserite il nottolino nell’alloggiamento del coperchio usando un po’ di grasso in modo che lo tenga ("appiccichi") in sede (serve per evitare che il nottolino cada accidentalmente nel cambio).
  12. Applicate un po’ di sigillante sulla guanizione.
  13. Installate il coperchio e fissatelo con i sei bulloncini.
  14. Verificate le condizioni del paraolio e poi rimontate il piatto freni; fissatelo con i tre dadi.
  15. Rimontate la ruota.
  16. Sistemate la marmitta.
  17. Raddrizzate la Vespa e riempite il cambio con circa 1/4 lt di olio SAE30 (vanno bene anche i multigrade; deve comunque essere un olio adatto anche per cambi e frizioni (gearbox and clutch). Il foro di riempimento è in una posizione poco felice e conviene usare un normalissimo oliatore; riempite il cambio fino "a livello" (quando l’olio inizia a fuoriuscire dal foro).

Modifica della leva di comando

Con le frizioni a 4 dischi conviene aumentare la corsa della leva di azionamento sul manubrio; è un’operazione semplice che richiede pochi minuti, ma che assicura una corsa maggiore per far staccare la frizione e soprattutto un gioco idoneo a frizione rilasciata.

  1. Smotate la leva dal manubrio ed asportate (anche una lima va bene) circa 7 mm di materiale dalla battuta della leva in modo da ottenere una corsa maggiore.

    Rilavorazione leva frizione

    La leva con la corsa aumentata installata sul manubrio

Regolazione della frizione

Agendo sull’apposito regolatore tendete il cavo in modo che la frizione stacchi bene, ma risulti anche completamente rilasciata quando la leva non è tirata. Provate il funzionamento agendo sulla pedivella di azionamento e poi affinate la regolazione dopo una prova su strada.

Il regolatore della frizione (tendicavo)
 

Un commento su "La frizione della Vespa."

  1. Come prima cosa prova a tirare leggermente il cavo della frizione e controlla che stacchi bene, ma senza slittare quando è rilasciata.

  2. ciao.. io ho una vespa 50 special con 110 cc polini, 19 di caburatore, marmitta polini ecc
    la vespa era di mio fratello e oggi l’ho usata, ma si cambia male perchè la frizione ha un casino di gioco.. cosa si puo fare per risolvere? inoltre si fa fatica a trovare la folle..
    grazie in anticipo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *