Coratella

La coratella d’abbacchio è un piatto tipico della cucina romana che viene preparato utilizzando le interiora dell’animale (l’abbacchio è un agnello da latte che ha circa un mese di vita e pesa intorno a 5 kg) . È un piatto semplice e povero che con il passare del tempo purtroppo va scomparendo. La preparazione della pietanza è semplicissima e non richiede particolari attenzioni; consigliamo solo di usare un tegame di coccio. La coratella è facilmente reperibile e non ha un costo eccessivo.

Ingredienti (per 2-3 persone):

  • 1 coratella d’abbacchio (circa 450 gr)
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cipolle (circa 200 gr)
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • peperoncino (tritato o intero) q.b.
  • sale q.b.

Preparazione:

  1. Sciacquate la coratella e tagliatela a pezzi.

La coratella a pezzi

  1. Sbucciate le cipolle e tagliatele a pezzettini.
  2. In un tegame di coccio (va bene anche un altro materiale, ma il risultato migliore si ottiene con il coccio) scaldate a fuoco basso l’olio e fate appassire la cipolla.

La cipolla per la coratella

  1. Aggiungete i pezzi di coratella e lasciateli cuocere con coperchio fino a quando quasi tutto il liquido rilasciato dalla carne non si sarà asciugato. Aggiungete anche il peperoncino e regolate di sale; mescolate di tanto in tanto.

La coratella all'inizio della cottura

  1. Versate il vino e, sempre a fuoco basso, lasciate sobbollire finché non sarà evaporato. Mescolate saltuariamente.
  2. Servite la coratella calda accompagnandola con del pane casereccio da intingere nel sughetto.

La coratella pronta per essere servita

La coratella in genere è "piccantina"; regolate la quantità di peperoncino in base ai vostri gusti e alla qualità del prodotto che state utilizzando. Per la pietanza indicata nelle foto ne ho utilizzato 1 cucchiaino tritato ed il risultato è stato "piccantoso" Coratella piccante

La coratella non va servita troppo "secca"; al termine della cottura deve rimanere un sughetto che verrà utilizzato sia per umettare la carne, che per fare "la scarpetta" solo e RIGOROSAMENTE con le mani Coratella casereccia. Chi vuole rispettare il galateo è meglio che non mangi la coratella Ma quale galateo con la coratella.