Zabaione al cioccolato

Ingredienti (per 4 tazze):

  • 4 tuorli d'uovo
  • 130 gr di zucchero semolato (~ 10 cucchiai)
  • 15 gr di cacao amaro (~ 2 cucchiai)
  • 170 ml di Marsala secco

Preparazione:

  1. In un pentolino sbattete con le fruste elettriche (o con quella a mano) i tuorli e lo zucchero per qualche minuto unendo il cacao.
  2. Trasferite il pentolino in un'altra pentola più grande per effettuare la cottura a bagnomaria e, mantenendo sempre la fiamma bassa (l'acqua non deve bollire, ma solo "fremere") continuate a sbattere con le fruste per montare il composto. Quando lo zabaione sarà diventato gonfio, spumoso e liscio incorporate gradualmente il Marsala (un cucchiaio alla volta) senza mai smettere di sbattere il composto.
  3. Proseguite nella cottura a bagnomaria per ulteriori 15 minuti circa o comunque fino a quando lo zabaione non sia bello denso e consistente.
  4. Quando pronto toglietelo dal fuoco, lasciatelo intiepidire e servite lo zabaione al cioccolato insieme a dei biscotti.

Se desiderate utilizzare lo zabaione freddo immergete la pentola in acqua ghiacciata e fatelo raffreddare continuando a sbattere: perderà solo un po' della spumosità zabaione freddo.

Lo zabaione è facile da preparare, ma richiede qualche attenzione. Ad esempio, non va cotto troppo a lungo, ma solo il tempo per renderlo spumoso e denso; inoltre la temperatura non va alzata troppo ed è per questo che l'acqua non deve bollire. Se lo vedete cambiare repentinamente consistenza significa che sta "impazzendo"; per recuperarlo toglietelo subito dal fuoco ed immergete la pentola che lo contiene in acqua molto fredda, poi tornate a sbatterlo con rinnovata energia per fargli riprendere la consistenza zabaione impazzito.

 

Zabaione al cioccolato

Zabaione al cioccolato – Foto di panduh

Brutti ma buoni (di Silvia)

Ingredienti:

  • 600 gr di mandorle dolci spellate e tostate
  • 450 gr di zucchero semolato
  • 250 gr di albumi
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 pizzico di cannella in polvere

Preparazione:

  1. Tritate finemente le mandorle.
  2. In una ciotola abbastanza capiente, montate gli albumi ben fermi e incorporatevi lo zucchero, un pizzico di cannella, le mandorle sminuzzate e la bustina di vanillina. Ricordatevi di mescolare il composto, sempre dall’alto verso il basso e molto delicatamente, per non smontare gli albumi.
  3. Con le mani formate dei dolcetti dalla forma irregolare e adagiateli su una placca da forno foderata di carta forno.
  4. I biscotti vanno cotti in forno preriscaldato a 140 gradi per circa 30-40 minuti.
  5. Sfornate i brutti ma buoni, lasciateli raffreddare e serviteli magari accompagnandoli con un vino passito o liquoroso I brutti ma buoni legano bene con i vini liquorosi .

I brutti ma buoni

I brutti ma buoni – Foto di lulamiao

Crumiri

Ingredienti:

  • 280 gr di farina di granturco
  • 200 gr di farina 00
  • 280 gr di burro + 10 gr per ungere la teglia
  • 150 gr di zucchero semolato
  • 4 tuorli
  • 1 bustina di vanillina

Preparazione:

  1. Setacciate con cura le due farine e disponetele su un piano a formare la classica fontana.
  2. Mettete nell’incavo lo zucchero e la bustina di vanillina e mescolate con cura.
  3. All’impasto aggiungete poi i tuorli e il burro a pezzetti e lavorate il composto in modo veloce ed energico.
  4. Successivamente avvolgete la pasta in una pellicola trasparente e lasciatela riposare per almeno 40 minuti a temperatura ambiente.
  5. Infine introducete il composto in una siringa per biscotti e, su una teglia precedentemente imburrata, ricavatene delle forme ad U leggermente rigate.
  6. Infornate i biscotti a 180 gradi per circa 15-20 minuti.
  7. Per rendere più golosi i vostri crumiri, dopo la cottura e quando ben freddi, potete spolverizzarli con un po’ di cacao amaro e servirli con una bella cioccolata calda.

Muffin

I muffins sono dei morbidi dolcetti di origine anglosassone; possono essere sia dolci che salati. I muffin sono molto semplici da realizzare e richiedono veramente poco tempo, sono morbidi e buonissimi e, in funzione dei propri gusti, possono essere farciti con vari ingredienti. La seguente ricetta illustra come preparare i muffin con gocce di cioccolato.

Ingredienti (per 10 muffins):

  • 150 gr di farina 00
  • 150 gr di maizena
  • 1 tazza di latte
  • 2 uova
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 1 bustina di lievito
  • 100 gr di burro + 10 gr per imburrare gli stampini
  • 100 gr di gocce di cioccolata

Preparazione:

  1. Setacciate le farine.
  2. Mescolate (sbattete, ma senza montare) le uova con il latte tiepido, lo zucchero, il burro fuso ed il lievito.
  3. Incorporate al composto le farine e poi le gocce di cioccolata.
  4. Imburrate i pirottini e poi versate il composto riempiendoli poco più della metà.
  5. Cuocete i muffin in un forno preriscaldato a 200° per 25 minuti.
  6. Sfornate i muffin, lasciateli raffreddare e serviteli come dessert, come merenda e/o per colazione: saranno sempre graditi Muffin al cioccolato .

Muffins

Ed ecco quattro muffin pronti da gustare I muffins sono buonissimi

Ciambelline all’anice

Ingredienti:

  •  400 gr di farina 00
  • 1,5 dl di olio extravergine di oliva
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 170 gr di zucchero semolato
  • 1 cucchiaio colmo di semi di anice

Preparazione:

  1. Setacciate la farina e disponetela a fontana, aggiungete quindi lo zucchero, i semi di anice e l’olio. Incorporate il tutto molto lentamente, cercando di non disfare la fontana.
  2. Successivamente, aggiungete il vino bianco e impastate fino ad ottenere un composto sodo ed omogeneo.
  3. Nel frattempo accendete il forno a 180-190° e, in attesa che si riscaldi, formate con l’impasto delle piccole ciambelline che adagerete su una teglia foderata di carta forno.
  4. A questo punto infornate le ciambelline per 20-30 minuti fino a quando non assumeranno un colore ben dorato.

Torta al limone

Ingredienti (per 6 persone):

  • 450 gr di farina
  • 300 gr di zucchero
  • 4 limoni
  • 150 gr di burro
  • 1 tazza di canditi
  • 1 bicchiere di latte
  • 4 uova
  • 1 bustina di lievito vanigliato
  • 1 pizzico di sale
  • per la guarnitura:
    • 6 fettine di limone
    • 6 ciliege candite

Preparazione:

  1. Fate sciogliere il burro in un pentolino e lasciatelo intiepidire.
  2. Grattugiate la scorza dei 4 limoni e poi spremeteli.
  3. Tritate i canditi in modo da ridurli in pezzetti piccoli.
  4. Montate gli albumi delle uova a neve ferma.
  5. In una ciotola lavorate i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto bello gonfio e spumoso; incorporate quindi la scorza dei limoni ed il loro succo e la farina continuando ad amalgamare il composto ed unendo anche un pizzico di sale, il burro fuso tiepido ed il latte.
  6. Solo alla fine e quando tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati incorporate delicatamente gli albumi montati, il lievito ed i canditi.
  7. Mettete il composto in una teglia imburrata ed infarinata ed infornatela a 180° per 40 minuti.
  8. Lasciate raffreddare la torta al limone, poi sistematela in un piatto da portata, guarnitela con le fettine di limone e le ciliege candite e servitela.

Frittelle di riso (Liguria)

Ingredienti (per 4 persone):

  • 500 gr di riso
  • 1 lt e ½ di latte
  • 15 gr di burro
  • 4 uova
  • 30 gr di pinoli tritati
  • 3 cucchiai di farina
  • la scorza di 1 limone
  • 10 gr di lievito di birra
  • sale q.b.
  • olio d’oliva per friggere q.b.
  • zucchero per spolverizzare q.b.

Preparazione:

  1. Scaldate 1 lt di latte con un pizzico di sale ed il burro; appena inizia a bollire calate il riso e fatelo cuocere aggiungendo altro latte man mano che si asciuga. Quando pronto (toglietelo al dente perché il riso continua la cottura anche a fuoco spento), lasciatelo raffreddare, poi versatelo in una insalatiera.
  2. Aggiungete al riso le uova, i pinoli tritati, la farina, la scorza grattugiata del limone ed il lievito di birra che avrete sciolto in pochissima acqua tiepida.
  3. Mescolate gli ingredienti con un cucchiaio di legno in modo da amalgamarli per bene.
  4. In una padella scaldate l’olio per friggere e quando è bollente versatevi una cucchiata alla volta di riso. Lasciate friggere le frittele e rigiratele per farle dorare su entrambi i lati.
  5. Scolatele e fatele asciugare su un foglio di carta assorbente da cucina, poi servite le frittelle di riso spolverizzandole con abbondante zucchero.

Castagnole

Ingredienti (per 8 persone):

  • 480 gr di farina
  • 100 gr di zucchero
  • 50 gr di strutto
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina di vanillina
  • 2 uova
  • 2 bicchieri di vino bianco secco
  • 1/2 lt di olio extravergine d’oliva
  • 100 gr di zucchero a velo
  • sale

Preparazione:

  1. Setacciate la farina ed unitela allo zucchero, al lievito, alla vanilinna ed a un pizzico di sale; fate la classica fontana e mettete nel centro le uova e lo strutto ammorbidito a pezzetti. Iniziate ad amalgamare l’impasto e lavoratelo a lungo; aggiungete il vino bianco ed impastate per almeno altri 10 minuti in modo da renderlo morbido e compatto.
  2. Prendete un pezzo dell’impasto e, lavorandolo con le mani, formate un cilindro di circa 2 cm di diametro. Tagliatelo con un coltello in tocchetti di 2 cm di lunghezza con i quali ricaverete delle palline. Continuate fino a che non avrete esaurito l’impasto.
  3. Versate l’olio in un’adatta padella e scaldatelo fino a che non è bollente (ma non fumante), quindi immergete le castagnole poche alla volta. Friggetele e giratele come necessario in modo da ottenere una doratura omogenea.
  4. Scolatele su carta assorbente, spolverizzate con lo zucchero a velo e servitele.

Le castagnole sono dolci tipici del periodo di Carnevale; in funzione della regione e/o della forma assumono anche i nomi di Zeppole e/o Tortelli. È possibile aromatizzare l’impasto con scorza di limone, liquore all’anice, rum o alchermes. Se preferite le "zeppole", al punto 2. lavorate l’impasto in modo da ottenere delle piccole ciambelle.

Chiacchiere

Ingredienti (per 8 persone):

  • 500 gr di farina
  • 1 uovo
  • 2 tuorli
  • 40 gr di burro (o di strutto)
  • 1,5 kg di strutto per friggere (o un’equivalente q.tà d’olio)
  • 30 gr di zucchero
  • 100 gr di zucchero a velo
  • 1/2 bicchiere di vino
  • sale

Preparazione:

  1. Fate la classica fontana con la farina deponendo nel mezzo il burro, i tuorli, l’uovo, un pizzico di sale e lo zucchero. Unite il vino (se 1/2 bicchiere non è sufficiente aggiungetene dell’altro) e lavorate velocemente il tutto in modo da ottenere un composto simile a quello della pasta all’uovo (un impasto liscio ed elastico). Lasciate riposare per 30 minuti coprendolo con un canovaccio.
  2. Stendete la pasta sottile con un matterello (usate la farina per facilitare l’operazione), quindi ricavatene delle strisce larghe 2-3 cm e lunghe 10 cm tagliandole con una rotella dentata. Se necessario, allungatele leggermente.
  3. In un tegame stretto ed alto fate scaldare lo strutto (oppure l’olio), quindi prendete le fettucce di pasta e tuffatele, una alla volta,  nel grasso bollente. Appena la chiacchera si sarà colorita, toglietela e mettetela ad asciugare su carta assorbente.
  4. Laciate raffreddare le chiacchere, sistematele su un vassoio e spolverizzatele con abbondante zuchero a velo.

NOTA: le chiacchiere sono dei dolci veramente semplici che vengono fritti oppure, dopo una parziale frittura, terminano la loro cottura in forno per essere poi cosparse di zucchero a velo. Dolci tipici del Carnevale, assumono nomi diversi a seconda delle regioni: lattughe, cenci, donzelle, frappe, sfrappole, cròstoli, galani, gale, bugie, rosoni, lasagne, pampuglie, etc. etc.

Trattandosi di un dolce molto popolare esistono diverse varianti alla ricetta delle chiacchiere; ad esempio è possibile aggiungere all’impasto della grappa o altri liquori quali rum, marsala, brandy, etc. ; è anche possibile incorporare della scorza di limone grattuggiata. Le forme di questi dolci possono essere le più varie: si va dalla romboidale, alla quadrata, alla rettangolare, ma anche alla striscia annodata o altre forme non usuali. C’è da far notare che questi dolci vengono cosparsi normalmente con dello zucchero e che recentemente sono apparse in commercio delle varianti ricoperte di cioccolato. Per la frittura può essere usato strutto, olio di semi o di oliva.