Gita in moto in Valtellina

C’ero già stato nel 2008, 2009 e nel 2010, ma ormai era da un sacco di tempo che non tornavo in Valtellina, e così appena i miei amici Wanilla ed Alberto mi hanno invitato a passare un weekend (21-23 agosto) a Bormio ho accettato immediatamente E vaiiii!!!!

Visto il periodo estivo per il viaggio ho preferito la moto anche perché volevo effettuare una visita alla zona del Lago di Garda.

UOT's pronta per partirePossiedo due moto; una comoda BMW R1200GS (detta “COATTA”) che normalmente utilizzo per i lunghi trasferimenti, ed una “vecchietta” BMW R100GS (detta “UOT’s”) che in genere uso per uscite in giornata.
Dovendo percorrere circa 1700 km in 4 giorni ovviamente ho scelto … UOT’s UOTs

UOT’s (storpiatura di what’s, e cioè l’abbreviazione di ‘what is’ or ‘what has’ … la colpa del nome è della mia amica Amy, una migrante Britannica ROTFL) è una gloriosa R100GS del 1988 che la scorsa estate ho sistemato e personalizzato, ma senza apportare modifiche non facilmente reversibili tanto che può essere riportata come mamma BMW l’ha fatta in una mattinata Modifiche reversibili
Non l’avevo mai utilizzata per un lungo viaggio ed ero ben cosciente che UOT’s offre meno protezione dall’aria ed più scomoda della moderna GS, ma l’ho scelta per la gita in Valtellina poiché avevo deciso di non percorrere autostrade e di fare soste frequenti.

Ho caricato la moto mercoledì sera, e giovedì mattina verso le 7:00 mi sono avviato verso nord in direzione di Ravenna, per poi dirigermi sulla SS16 verso Argenta > Ferrara > Verona.

Varcato l’Appennino il caldo si è fatto sentire, e così ho fatto diverse soste; sono arrivato all’ Agriturismo Tre Forti in Località Canova di Tessari (Rivoli Veronese) nel primo pomeriggio, e dopo una doccia rinfrescante, ed un po’ di riposo ho raggiunto la vicina Garda per passeggiare sul bel lungolago affollato di turisti e villeggianti.

Rientrando all’agriturismo ho visto un grande locale pieno di gente dove mi sono fermato per cenare con un’ottima pizza ed una bella birra fresca!

Lago di GardaVenerdì mattina, su suggerimento del mio caro amico Andrea (Smile50 è il suo nick su vari forum motociclistici), ho seguito un percorso molto bello: Garda > Riva del Garda > Lago di Ledro > Lago d’Idro > Passo Crocedomini > Edolo > Passo del Mortirolo > Bormio.

Su questo tratto ho apprezzato ancor di più le ottime qualità di UOT’s che per “passeggiare” ammirando i panorami è veramente imbattibile.
Infatti, grazie al suo motore estremamente elastico, non è necessario quasi mai cambiare marcia e poi, con la cura dimagrante che gli ho imposto durante la personalizzazione, è anche estremamente leggera, caratteristica che si apprezza maggiormente quando si fanno molte fermate e manovre da “fermo”.

 

Panorama dell'Adamello

 

Verso le 16:00 ero a Bormio dove mi attendevano i miei amici bormini insieme ad un’altro amico arrivato da Roma in treno. Ci siamo sistemati in una stupenda baita immersa in un bosco appena fuori il centro abitato, e la sera abbiamo cenato gustando diverse specialità locali preparate per noi da Wanilla A cena da Wanilla

La stupenda baita a Bormio (Valtellina)

 

Sabato giornata dedicata interamente alla natura: una passeggiata di ben 5 km per raggiungere un ristorante isolato ammirando paesaggi veramente incantevoli.

Stupendi panorami in Valtellina

Panorami fantastici in Valtellina

Sosta per gustare un pranzo prelibato a base di salumi, formaggi ed altre specialità locali, e poi il rientro percorrendo un sentiero che si snoda in un bosco.
Abbiamo fatto appena in tempo a raggiungere l’auto parcheggiata quando è iniziato a piovere!

E purtroppo la pioggia ha rovinato anche la “magica serata Al Scur”: tutte le luci della città vengono spente mentre nei locali illuminati solo da fioche candele e torce è possibile degustare tutte le specialità locali servite da addetti vestiti con i costumi tradizionali della zona … peccato!

La domenica mattina l’abbiamo passata passeggiando per Bormio per acquistare alcuni prodotti tipici come il “violino di capriolo”  e l’amaro Braulio, mentre il pomeriggio è stato dedicato a Livigno dove abbiamo anche cenato nel Birrificio Livigno.

Lunedì era previsto tempo variabile con possibilità di deboli piogge, ed invece mi sono svegliato sotto un cielo nero che non prometteva nulla di buono. E così per il ritorno ho deciso di cambiare percorso e di fare il più agevole Passo Aprica per poi prendere l’autostrada dei pressi di Brescia.

Ho trovato prima pioggia e temperature fresche, poi sole con oltre 30°, e poi ancora pioggia … e poi ancora sole: le peggiori condizioni meteo che si possono incontrare quando si viaggia in moto perché non si sa come vestirsi Pioggia in moto

UOT’s non ha avuto problemi, ma a causa della scarsa protezione dall’aria io sono arrivato a casa che mi faceva male il collo: 750 km non sono pochi per un vecchietto come me Fatica in moto

Un commento su "Gita in moto in Valtellina."

  1. Vi aspetto a Genzano di Roma 😉

    Vi ricordo che TUTTI gli anni, a giugno, c’è l’Infiorata: quale occasione migliore per stare insieme qualche giorno?

    🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *