Samarcanda – La via della seta in moto

L’anno scorso sono rimasto bloccato da un problema fisico per molti mesi e così, in piena “crisi di astinenza da moto” nei lunghi pomeriggi passati a perdere tempo davanti al PC iniziai a pensare ad un viaggio “importante” … forse l’ultimo visto che anche per me il tempo passa inesorabilmente e che prima o poi sarò costretto a smettere di andare in moto.

La prima meta che mi venne in mente fu Samarcanda forse perché, nell’immaginario collettivo, è una città che evoca storie remote e fantastiche perché fu capitale di regni antichi, lontani e scomparsi da secoli.

Fondata nel 700 a.C. in un’area circondata da steppe e deserti, Samarcanda è entrata nella storia di Alessandro Magno, Gengis Kahn e Tamerlano.
Importante centro di smistamento sulla Via della Seta, Samarcanda sorge al crocevia di strade che conducevano in Cina, India e Persia. La città ancora oggi è un posto speciale dove è possibile ammirare moschee e mausolei con cupole azzurre e maioliche colorate perfettamente conservati e tutelati dall’Unesco tra cui alcune delle più importanti madrase dell’Asia centrale affacciate sul Registan, la bellissima piazza monumentale che ancora oggi è il “cuore della città”.

Il Registan, la bellissima piazza di Samarcanda

Nessun altro luogo richiama alla mente la Via della Seta più di Samarcanda, e per molti ha la stessa risonanza mitica di Atlantide molto probabilmente perché in passato fu realmente visitata solo da poche persone in quanto difficilmente raggiungibile perduta com’è tra steppe e deserti.

Poco prima di Natale decisi che sarei andato a Samarcanda in moto, e poi subito dopo il ritorno dal viaggio a Salalah (volevo prima verificare le mie condizioni fisiche) confermai la mia partecipazione al tour Samarcanda 2018 programmato da Motovacanze.it, organizzazione con la quale avevo già effettuato in passato altri tour.

Il percorso del viaggio a Samarcanda

Per questo viaggio ho utilizzato la mia BMW R100GS che proprio quest’anno ha compiuto 30 anni; moto robusta, a carburatori e con pochissimi componenti elettronici non ha avuto problemi meccanici. Per aumentarne l’autonomia ho però dovuto installare delle taniche supplementari perché in alcune tratte è necessario poter percorrere almeno 450 km senza fare rifornimento.

Piuttosto che fare un noioso racconto delle singole tratte preferisco riportare alcune mie considerazioni generali su questo viaggio molto ambito da tanti motociclisti.

  • È un viaggio lungo (io ho percorso 8100 km); si attraversano 6 frontiere e territori dove NON sono presenti servizi di buon livello. Occorre quindi spirito di adattamento e tanta, ma proprio tanta pazienza perché le procedure alle frontiere spesso richiedono ore di attesa.
  • Lunghissimi tratti di strada sono veramente noiosi: si viaggia nel nulla per chilometri e chilometri in lande desolate!
  • Molte strade, specie in Uzbekistan, sono in PESSIME condizioni con un susseguirsi di buche “assassine” nell’asfalto che in ogni momento possono mettere fine al viaggio, e quindi bisogna quasi sempre guidare prestando la massima attenzione.
  • In Uzbekistan è difficile trovare la benzina perché tutti usano il gas: ad esempio, a Samarcanda (e quindi in un’importante grande città), solo al quinto tentativo in un distributore aperto è stato possibile fare rifornimento perché il carburante era disponibile.
  • In Russia, Kazakistan, Uzbekistan, e Kirghigistan fuori dalle grandi città il livello dei servizi è decisamente scarso; per rifocillarsi è meglio organizzarsi con snack preconfezionati e bevande acquistate nei minimarket, mentre per espletare i bisogni fisiologici conviene scegliere il classico “campo” o “luogo appartato”.
  • Chiva, Buchara e Samarcanda sono città molto interessanti e sicuramente meritano una visita. Carina Tbilisi, capitale della Georgia, visitabile in una giornata.
  • Le città russe sembrano invece tutte uguali; unico punto d’interesse degno di nota il tempio buddista di Elista, capitale della Calmucchia, il solo territorio europeo la cui popolazione è in maggioranza di religione buddista.
  • Non occorre portare molto contante perché nelle città le carte di credito sono generalmente accettate; sono anche disponibili vari punti ATM dove prelevare denaro.

Vale la pena di fare questo viaggio in moto?

  • Se si ama l’avventura e si vogliono provare emozioni forti sicuramente SI
  • se invece si preferiscono rilassanti percorsi panoramici forse è meglio NON andare a Samarcanda in moto. 

Le mie foto:

Tutte le foto sono disponibili su Flickr, anche per il download  😉

<a href="https://flic.kr/s/aHskBjkmiG" target="_blank">Click to View</a>

Il video


Un commento su "Samarcanda – La via della seta in moto."

  1. Ciao Buongiorno

    Desideravo sapere quanti giorni hai impiegato e come ti sei organizzato per il rientro, e i visti.

    Grazie per le informazioni.

    Cordiali Saluti

    Angelo Capodimonte 335/8114443

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *