Gita a Sora con brutta esperienza

Oggi e domani (27 e 28 febbraio 2010) a Sora (FR) c’è la 21° Mostra Scambio dedicata ad auto, moto, ricambi ed accessori d’epoca.

Poiché possiedo un paio di ferri vecchi (una Fiat 500 L del 1970 già ASI ed in attesa della Targa Oro, ed una BMW K1100LT già pronta per essere iscritta al registro storico) stamattina mi sono alzato presto per recarmi alla mostra in quanto mi occorrevano alcune cose. Ho preso il mio Silver Wing 600 dotato di un capiente bauletto e mi sono avviato verso la cittadina ciociara dove non ero mai stato (forse c’ero passato una volta la scorsa estate). 

Non avendo alcuna fretta, ed essendo presto, me la sono presa comoda tanto che ho percorso – invece dell’autostrada – la via Casilina. Arrivato a Sora mi ha lasciato subito perplesso il luogo dove sono ubicati i locali della fiera: in un centro abitato e con pochi parcheggi! Bohh, con tanta terra incolta che c’è tutto intorno sono andati a fare una Fiera proprio nel luogo meno indicato – ho pensato.

Comunque, la fiera aveva appena aperto e c’erano molti parcheggi liberi tanto che ho posteggiato lo scooter proprio vicino all’ingresso, all’interno di strisce bianche ed insieme ad altre auto – a mio parere un parcheggio perfetto!

Ho riposto il casco nel bauletto, bloccato la ruota posteriore con la catena e poi sono andato in un bar a prendere un caffe.

Fatto il biglietto sono entrato nella Fiera che, come quel poco che ho visto della città di Sora, mi ha subito deluso perché è in uno stato di cattiva manutenzione; i padiglioni, tolto solo uno nuovo ubicato sul lato opposto all’entrata, praticamente sembrano più baracche fatiscenti che punti vendita.

Ho comunque iniziato il mio giro alla ricerca dei pezzi che mi servivano, ma ho subito notato che molti commercianti che avevo conosciuto in altre mostre dello stesso tipo erano assenti. Ho acquistato un paio di cosette e poi, non avendo trovato quello che mi serviva, mi sono avviato verso l’uscita. 

Arrivato allo scooter ho trovato la sorpresa: una multa per violazione art. 158 del Codice della Strada (sosta in spazi riservati alla fermata o alla sosta dei veicoli per persone invalide)!

Stupito mi sono guardato intorno e per terra: c’era una bella striscia bianca ottimamente visibile e non c’erano assolutamente cartelli! Mi sono detto: ma come è possibile una cosa del genere! Sicuramente è un errore! Ho guardato le altre auto parcheggiate ed erano state anche loro multate, e così ho risalito la fila fino ad arrivare ad un cartello che segnalava il parcheggio dedicato agli invalidi: era praticamente davanti al bar dove avevo fatto colazione, a circa 100 mt da dove avevo posteggiato.

Convinto che la multa fosse frutto di un errore, e dopo aver ricontrollato l’assenza delle strisce gialle, mi sono recato al Comando della locale Polizia Municipale sicuro che mi sarebbe stata tolta.

Arrivato alla Stazione (gli uffici e lo sportello per le conciliazioni si trovano alla stazione ferroviaria) ho esposto i fatti all’addetta che era allo sportello la quale mi ha risposto che la multa era regolare perché il cartello verticale è presente, e che se volevo potevo fare ricorso.
Nel frattempo erano sopraggiunte le due vigilesse che avevano redatto il verbale che mi hanno ribadito che la multa era regolare perché quello che fa fede è la segnaletica verticale in quanto quella orizzantale (le strisce gialle per capirci) sono facoltative; inoltre, in assenza di ulteriore segnalazione il divieto vale dal punto dove è collocato il cartello fino all’incrocio successivo!
Morale della favola … in poche parole mi hanno fatto capire: lo sappiamo che le strisce non ci sono, ma questa è la legge, per cui paga ed impara il Codice della Strada.

Ovviamente ho conciliato, anche per evitare le gravose spese di spedizione della multa, sborsando 78 euro e fornendo i dati per la decurtazione di 2 (due) punti sulla patente, ma questa brutta esperienza vissuta a Sora mi ha veramente lasciato l’amaro in bocca. 

Personalmente sono sempre molto attento a non creare difficoltà agli invalidi e non ho MAI, ripeto MAI, posteggiato un veicolo negli spazi a loro riservati. Onestamente non capisco il modo di applicare le leggi in questo maniera, attaccandosi cioè a cavilli che solo una burocrazia elefantiaca come quella Italiana può prevedere.

A mio parere stamattina ho posteggiato lo scooter in un’area che chiunque avrebbe intesa come NON vietata perché identificata da strisce bianche; gli spazi dedicati agli invalidi sono – per quello che è la mia esperienza – SEMPRE identificati da linee gialle ed i cartelli generalmente segnalano 1 o 2 posti, e mai un’intero lato di una strada che per giunta ha pure lo spazio di sosta delimitato da strisce bianche! 

Mi ci vorrà un po’ di tempo per sbollire la rabbia causata da questa vicenda che io ritengo una vera e propria violenza; faccio comunque gli auguri alla città di Sora perché necessita di miglioramenti; solo che difficilmente potrà risollevarsi se spera di farlo racimolando quattro soldi infliggendo multe ai turisti: cari amici di Sora, oggi avete guadagnato 78€, ma avete perso per SEMPRE un potenziale visitatore! Vi faccio solo un esempio: volevo fermarmi per pranzo in un ristorante della zona, ed invece me ne sono andato arrabbiato e deluso e non tornerò MAI più!

Per fortuna che oggi c’è internet per cui è difficile raccontare balle impunemente; le seguenti immagini le ho recuperate da Google Street View; guardate la segnaletica orizzontale come era quando furono fatte le riprese; oggi le strisce gialle non ci sono, mentre sono rimaste quelle bianche ed il cartello vicino al bar.

Panoramica entrata Fera di Sora

Una panoramica dell’ingresso alla Fiera di Sora

Luogo del mio parcheggio

Luogo del mio parcheggio – ricordo che era uno scooter

Dettagli della zona

Questa la situazione, notare i dettagli

Vista del cartello

E questo è il famoso cartello


Visualizzazione ingrandita della mappa

Un commento su "Gita a Sora con brutta esperienza."

  1. ho posteggiato l’auto nelle strisce gialle. accanto a dove ho posteggiato c’erano le altre strisce gialle di cui una segnalata con il disegno a terra della sedia a rotelle. sono stata multata .posso contestare?dato che dove ho posteggiato io non c’era il disegno della sedia a rotelle?grazie.

  2. ho posteggiato sulle strisce gialle ma a terra non c’era disegnata la sedia a rotelle che era invece segnalata nello spazio accanto . devo pagare la multa o posso contestarla?

  3. Stamattina sono passato davanti alla Fiera di Sora ed ho notato con piacere che finalmente hanno contrassegnato i posti riservati alla sosta dei diversamente abili con le strisce GIALLE !!!

    Come dice il proverbio . . . meglio tardi che mai ! 😉 🙂

  4. @ Sorano Hai commentato il racconto senza neanche leggerlo, oppure facendolo molto di fretta perché in poche righe sei riuscito a fare riferimento a molte cose che non ho né scritto, né fatto! Nei paesi civili i posti riservati ai diversamente abili sono contrassegnati dall'apposita segnaletica prevista dal Codice della Strada: in prossimità della Fiera di Sora ciò non è stato fatto, ma anzi si è approfittato di riferimenti poco chiari del regolamento applicativo del CdS per fare multe il cui unico scopo è chiaramente solo quello di fare cassa. Per non provare disgusto prova rileggere con calma l'articolo e così ti accorgerai che ho parlato di un centro abitato – e non del centro di Sora -, di aver parcheggiato regolarmente all'interno di strisce bianche – e non davanti all'ingresso – e di molti posti liberi visto che la fiera aveva appena aperto 😉

  5. Personalmente posso dire che la fiera si svolge FUORI SORA, al confine con Isola del Liri..il centro si trova a circa 4-5 km…e non al centro come espresso nell’articolo..per quanto riguarda i parcheggi ce no sono e pure troppi..anche se molti a pagamento (ma ormai da tutte la parti è così)..si vede che a Sora non ci sei mai stato..e mi disgusta il fatto di tanta sicurezza nell’affermare certe cose!
    Per quanto riguarda la multa la legge purtroppo va sempre a sfavore dell’onesto cittadino e, se quanto detto dalle vigilesse è giusto, non c’era niente da fare…bastava un po di buonsenso da parte tua…io non avrei mai posteggiato DAVANTI L’INGRESSO di una fiera internazionale!!! o perlomeno avrei fatto attenzione alla segnaletica verticale..
    Saluti da un Sorano

  6. Oggi ho trovato questo:

    Regolamento di attuazione del codice della strada ( http://www.altalex.com/index.php?idnot=34642 )

    Art. 149.
    (Art. 40 Cod. Str.)
    Strisce di delimitazione degli stalli di sosta o per la sosta riservata.

    1. La delimitazione degli stalli di sosta è effettuata mediante il tracciamento sulla pavimentazione di strisce della larghezza di 12 cm formanti un rettangolo, oppure con strisce di delimitazione ad L o a T, indicanti l’inizio, la fine o la suddivisione degli stalli entro i quali dovrà essere parcheggiato il veicolo.

    2. La delimitazione degli stalli di sosta mediante strisce (fig. II.444) è obbligatoria ovunque gli stalli siano disposti a spina (con inclinazione di 45° rispetto all’asse della corsia adiacente agli stalli) ed a pettine (con inclinazione di 90° rispetto all’asse della corsia adiacente agli stalli); è consigliata quando gli stalli sono disposti longitudinalmente (parallelamente all’asse della corsia adiacente agli stalli).

    3. I colori delle strisce di delimitazione degli stalli di sosta sono:

    a) bianco per gli stalli di sosta non a pagamento;

    b) azzurro per gli stalli di sosta a pagamento;

    c) giallo per gli stalli di sosta riservati.

    4. Gli stalli di sosta riservati devono portare l’indicazione, mediante iscrizione o simbolo, della categoria di veicolo cui lo stallo è riservato.

    5. Gli stalli di sosta riservati alle persone invalide devono essere delimitati da strisce gialle e contrassegnati sulla pavimentazione dall’apposito simbolo; devono, inoltre, essere affiancati da uno spazio libero necessario per consentire l’apertura dello sportello del veicolo nonché la manovra di entrata e di uscita dal veicolo, ovvero per consentire l’accesso al marciapiede (figg. II.445/a, II.445/b, II.445/c).

    ###############################

    Chiederò ulteriori pareri ed interpretazioni, anche se il significato mi sembra inequivocabile e serve proprio a chiarire il punto 2 che parla invece di “consigliata”.

    Vuoi vedere che forse avevo ragione io?

  7. @ antonio

    Sto approfondendo la cosa e se hanno sbagliato procedo con un esposto alla Magistratura.

    Questa storia è talmente assurda da sembrare inventata; ma le immagini di Google e la multa che mi è stata fatta sono reali e testimoniano l’accaduto.

    Grazie a Street View ho visto i segnali di precedenza nella rotatoria: altro bel trappolone capace d’ingannare chiunque!

  8. @ brag
    Allora mi sono spiegato male.
    Ritengo che questo, per la mia città sia, malauguratamente, la norma.
    Di segnaletica errata o fatta a c…. di cane c’e ne è fin troppa. Nonostante le segnalazioni dei cittadini tutto tace.
    Se ti fai un altro giro mi contatti e ti faccio fare 4 risate tra sensi unici e altro.
    Che vuoi farci?
    Chi è addetto alla segnaletica/viabilità credo che abbia avuto questo incarico per corrispondenza.
    Che ti devo dire?
    Tu ci sei venuto una mattinata e noi ci viviamo ergo ……………

  9. Nel frattempo erano sopraggiunte le due vigilesse che avevano redatto il verbale che mi hanno ribadito che la multa era regolare perché quello che fa fede è la segnaletica verticale in quanto quella orizzantale (le strisce gialle per capirci) sono facoltative; inoltre, in assenza di ulteriore segnalazione il divieto vale dal punto dove è collocato il cartello fino all’incrocio successivo!

    Minchiate. Quello che dice è vero per il divieto di sosta non per il parcheggio riservato. Altrimenti ogni posteggio per invalidi presente sulla faccia della terra varrebbe per tutta la strada.

    In mancanza di strisce orizzontali per i posti riservati non è possibile la multa in quanto manca il riferimento esatto in cui la sosta è vietata.

    Conosco quel reparto: fanno cassa in modo osceno. A me una volta volevano far la multa per mancanza di pagamento in un punto presso le strisce blu ma non sopra le stesse in quanto a sentir loro “se ci son le strisce entro 50 metri ci si deve parcheggiare”.

    Hai fatto male a pagare: dovevi farti dare nome e cognome, registare con telefonino quello che dicevano e citarle per abuso (o meglio, farglielo credere). Vedi come abbassano la testa sti c****i.

  10. @ antonio

    … che la striscia continua è idealmente equiparata ad un muro …

    Voglio solo sperare che a Sora i muri non siano realizzati come le strisce continue!
    Guarda con attenzione le doppie strisce nella terza foto 😉
    è la prima volta che vedo una cosa simile!

  11. Sono di Sora e capisco l’amarezz adel visitatore.
    Non commento il fatto perchè ampiamente fatto.
    Se avesse posteggiato la moto in uno dei parcheggi “a pagamento” privati non avrebbe avuto la multa. Cmq se l’amico avesse fatto altri 100 m avrebbe anche notato che nel bel mezzo della rotatoria ci sono i triangolini per dare la precedenza.
    Scusate ma queste cose succedono solo da noi.
    Non è colpa del cittadino ma di chi dovrebbe conoscere il codice meglio e più di noi.
    A proposito. Tempo fa mi fu spiegato, proprio da una vigilessa, che la striscia continua è idealmente equiparata ad un muro per cui non è possibile superarla per posteggiare.
    Vacci a capire………….

  12. Pensavo di andare domani alla fiera di auto d’epoca e aprendo il sito su Sora,mi ha incuriosito il titolo che parlava di una “brutta esperienza”.
    Dopo aver letto l’articolo, esprimo la mia solidarietà a Luciano,rivedendo il progetto della gita di domani .Non ho voglia di passare la domenica a scervellarmi per evitare trappole!

  13. Ah Luciàà.. effettivamente è roba davvero incredibile.. questa estate ho avuto una multa per divieto di sosta.. ma il segnale verticale era occultato da un albero.. Era possibile fare ricorso ma alla fine avrei speso di più della multa..

  14. Guardate con attenzione le immagini di Google Street View; io spero che lo faccia anche un magistrato che magari per sbaglio capita da queste parti: basterebbe una piccola ricerca su un certo appalto et voilà …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *