Carburatore Bing a velocità costante

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:Veicoli vari
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

NOTA 1: I carburatori a velocità costante sono anche detti “carburatori a depressione

NOTA 2: questa è una libera traduzione di un articolo in lingua inglese pubblicato nel Butler & Smith Spring 1978 Motorcycle Journal

Negli ultimi anni diversi modelli di moto BMW sono stati dotati di un nuovo carburatore unico e sofisticato: il carburatore Bing a velocità costante (o CV).

Molti motociclisti sono rimasti colpiti dalla sua affidabilità e dalla variazione di potenza insolitamente fluida che si verifica quando vengono effettuate variazioni sulla manopola del gas, ma pochi però ne conoscono il principio di funzionamento.

Il grande vantaggio di un carburatore CV (Constant Velocity – Velocità Costante) è che riesce a fornire al motore solo la quantità di miscela carburante / aria richiesta, e mai di più!

Accelerare rapidamente su una moto con carburatore convenzionale spesso produce ingolfamenti, funzionamento irregolare e/o perdite di colpi del motore, e ciò avviene proprio quando sarebbe invece necessaria la massima accelerazione.

Su un carburatore Bing a velocità costante, aprendo la manopola del gas si apre semplicemente una valvola a farfalla che permette al carburatore di soddisfare le esigenze del motore regolandosi in base alla richiesta. La risposta è rapida, ma mai eccessiva perché è sempre proporzionata alla richiesta del motore.

In poche parole, il carburatore Bing a CV funziona variando il differenziale di pressione sopra e sotto un piccolo pistone, che a sua volta varia l’apertura del venturi tramite una valvola / saracinesca convenzionale.

Il motore produce una depressione nel carburatore aspirando aria (e/o miscela) sotto la valvola. Il movimento dell’aria sotto la valvola crea un vuoto parziale (caduta di pressione), tale caduta di pressione viene trasmessa attraverso opportuni passaggi ad una camera stagna sopra il pistone. L’area sotto il pistone è collegata al tratto di aspirazione principale (l’ingresso del carburatore), dove c’è una pressione maggiore.

Maggiore è la differenza tra le due pressioni (inferiore e superiore), maggiore è il sollevamento del pistone, e maggiore è l’apertura del venturi con conseguente maggiore quantità di miscela che arriva al cilindro.

Visto nelle immagini la parte a sinistra del carburatore Bing CV è collegata al collettore di aspirazione del cilindro, poi c’è la valvola a farfalla azionata dalla manopola gas tramite un cavo, quindi il pistone con la valvola che parzializza il venturi (vedere anche il video).
Un diaframma in gomma separa il volume di bassa pressione (vuoto) superiore dal volume di pressione maggiore sottostante.
Nella parte inferiore della valvola c’è lo spillo conico inserito nel polverizzatore che arriva sopra il getto principale (o del massimo).
Nelle immagini, alla destra del pistone / valvola si trova il condotto per l’aspirazione dell’aria dall’esterno.
Le tre immagini illustrano le tre principali situazioni di lavoro in un carburatore Bing CV: minimo, apertura parziale del gas, ed apertura completa della valvola a farfalla, e quindi della valvola.
Un quarto, il sistema di avviamento a freddo non è mostrato e si trova su un lato del carburatore (vedere video).

Carburatore Bing a CV

Il sistema del minimo (disegno all’estrema sinistra) funziona in modo completamente indipendente dal sistema del getto principale. Il carburante viene aspirato dalla vaschetta del galleggiante attraverso il getto del minimo e premiscelato con l’aria proveniente da un minuscolo passaggio regolato dalla vite dell’aria al minimo.
Questa miscela poi viene nuovamente miscelata con l’aria che fluisce sotto la valvola a farfalla del flusso d’aria principale attraverso il venturi. Questa posizione della farfalla viene regolata dalla vite del minimo.
C’è anche un ulteriore passaggio che viene aperto quando la farfalla viene parzialmente aperta ed ha lo scopo di addolcire il passaggio dal regime del minimo a quelli superiori dove inizia a funzionare lo spillo conico.

Lo spillo conico funziona a regimi intermedi e con acceleratore parzializzato, è collegato alla valvola/pistone e apre un’area sempre maggiore man mano che si alza facendo così passare più benzina proveniente dal getto principale (o getto del massimo).

Il volume dell’aria, il volume del carburante ed il volume della miscela risultante aspirata dal motore dipendono tutti dalla velocità di rotazione e dal carico del motore.

La valvola a farfalla quindi permette al pilota di variare le prestazioni del motore, andando a cambiare la quantità di vuoto del motore “sentita” dal carburatore.
Nelle figure, il rosso rappresenta il carburante, che è concentrato nella vaschetta con il galleggiante, mentre il blu è l’aria.

A differenza di altri carburatori, il carburatore Bing CV non ha la pompetta di accelerazione.
Le pompe di accelerazione permettono un momentaneo arricchimento della miscela durante le improvvise aperture della valvola a farfalla allo scopo di aumentare la potenza, e quindi l’accelerazione. Di solito questi sistemi sono azionati meccanicamente piuttosto che a depressione. Il principio di funzionamento del carburatore Bing a CV produce comunque un effetto molto simile a quello della pompa di accelerazione tradizionale.
Gruppo pistone / valvola Bing CVA causa dell’inerzia, il pistone del carburatore CV non si solleva con la stessa rapidità con cui la velocità dell’aria aumenta quando il venturi viene improvvisamente esposto a un vuoto maggiore (apertura della valvola a farfalla). La velocità dell’aria è quindi temporaneamente sproporzionata e così si crea una pressione ancora più bassa nel venturi che preleva più carburante dallo spillo / getto principale, arricchendo il titolo della miscela. Il risultato è un’accelerazione molto soddisfacente anche senza utilizzare la complessità meccanica di una pompa di accelerazione.

In pratica, i carburatori funzionanti sul principio della Velocità Costante (CV) si sono dimostrati essere tra i più validi per l’utilizzo sulle moto, specie su quello per uso non agonistico.

I carburatori Bing CV mantengono le regolazioni nel tempo, si usurano senza procurare grandi cambiamenti al titolo della miscela, funzionano bene nel campo motociclistico e sono meccanicamente semplici e poco soggetti a guasti.

Come abbiamo visto, questi carburatori si auto-adattano alle esigenze del motore, e spesso i problemi nascono solo quando persone inesperte cercano di regolarli!
Poiché i loro quattro sistemi di funzionamento in una certa misura si sovrappongono, la manomissione di uno può influire sugli altri. Ad esempio, agire sul titolo della miscela al minimo può avere effetti anche su regimi di funzionamento diversi.

Una problema che può verificarsi durante l’uso, tuttavia, è l’introduzione involontaria d’umidità nel carburatore. Ciò accade quando acqua viene spruzzata o comunque investe gli orifizi di sfiato e/o di troppo pieno.
Ciò può anche accadere quando il contenuto di umidità dell’aria presente in un basamento freddo si condensa all’interno del carburatore destro.
L’umidità può mescolarsi con alcuni componenti della benzina e formare una sostanza lattiginosa che di solito si posiziona dentro e intorno al polverizzatore.

Il risultato è un carburatore malfunzionante con scarse prestazioni del motore, e per risolvere il problema è necessario smontare e pulire le varie parti del carburatore CV con solvente, soffiando getti e passaggi per asciugare tutto accuratamente prima del rimontaggio.

Per questo tipo di problema la prevenzione è, ovviamente, la migliore soluzione. Evitare quindi di investire direttamente con un getto d’acqua il carburatore Bing CV (ma questo vale anche per altri tipi di carburatori). Nei climi freddi inoltre è meglio evitare viaggi brevi che non consentono il riscaldamento completo di tutti i componenti del motore con la dissipazione della condensa.

Come per altre parti di una BMW, il carburatore Bing CV svolge tranquillamente il suo duro lavoro e funziona instancabilmente se ben trattato.

Occasionalmente può verificarsi uno squilibrio tra i carburatori sinistro e destro e ciò solitamente è dovuto ad un inevitabile allungamento / usura del cavo dell’acceleratore. La sincronizzazione viene ristabilita eseguendo una regolazione del cavo e (a volte) del minimo.

Le officine BMW hanno l’attrezzatura e il know-how giusti per eseguire il lavoro e possono anche effettuare le idonee regolazioni sui carburatori Bing CV in modo da avere prestazioni ottimali anche a quote elevate dove l’atmosfera è rarefatta.

OK, dopo questa lunga “pappardella” è tutto chiaro?
Sicuri?
Non vi è sorta la curiosità di sapere perché questo carburatore è definito a velocità costante?

Se volete approfondire c’è un bell’intervento su un forum che spiega dettagliatamente perché questo tipo di carburatore (Bing CV) è detto a velocità costante, o CV.



Lascia un commento