Honda NX650 Dominator: la mia nuova unstoppable motorrad!

Possiedo una fantastica BMW F800GS che mi ha portato in giro per il mondo, ma da qualche tempo sentivo la necessità di una motoretta leggera, semplice e poco costosa da utilizzare senza troppe preoccupazioni per qualche uscita a "corto raggio" su strade magari un po' "accidentate".

Durante il weekend passato in Versilia ho conosciuto una persona ed abbiamo parlato a lungo del restauro di vecchi veicoli. Chiacchierando mi ha raccontato la sua esperienza con una Honda Dominator NX650 recuperata in un fienile e rimessa a nuovo in tutto: dalla verniciatura a tutti gli organi meccanici.
Abbiamo discusso dei vari interventi meccanici in generale, anche se allora non conoscevo nulla di questo modello.

Per qualche tempo ho dimenticato l'argomento, ma poi durante un'uscita in Umbria ho conosciuto due motociclisti miei coetanei e proprietari di diverse moto; di loro mi ha colpito il modo allegro e spensierato con cui usavano la moto su strade sterrate per andare alla ricerca di nuovi luoghi da scoprire!
In particolare mi ha impressionato il racconto dell'attraversamento di un'area dove era in atto una battuta di caccia al cinghiale, con relativo allontanamento precipitoso per evitare qualche involontaria fucilata!!!!

Ca$$o, questo si che è il modo giusto di usare una moto enduro . . .  mi sono detto! 

E così, chiacchierando, ho scoperto che è il problema di tutti quelli che vogliono fare un po' di OFF, anche se non estremo: le scivolate vanno messe in conto, come gli urti con rami e cespugli. Per fare OFF serve quindi una moto da usare senza la paura di far danni!
Le moto nuove costano un botto di soldi, e poi sono sofisticate ed abbastanza pesanti (ad esempio, la mia pur essendo tra le enduro stradali più leggere con tutti gli accessori è intorno ai 230 kg), e così seguendo il consiglio di vari amici mi sono messo alla ricerca di un vecchio modello di enduro e la scelta, dopo essermi documentato, è caduta sull'Honda Dominator NX650.

Monocilindrico 4 tempi . . . è una moto semplice, affidabile, leggera e dai costi di manutenzione molto contenuti. Le parti di ricambio sono ancora oggi facilmente reperibili perché la moto – in vari modelli – è stata prodotta fino al 2001 e sul mercato dell'usato ci sono varie proposte di vendita a prezzi accessibili.

Visto la cifra che avevo intenzione di spendere, ho cercato qualcosa vicino a casa per evitare costi di viaggio e trasporto, ed alla fine ho trovato una moto in buone condizioni del 1988, originale nei vari particolari, e quindi facilmente iscrivibile come storica.

L'ho acquistata e l'ho portata a casa guidandola visto che era marciante e senza grossi problemi.

Una nota: su consiglio di chi me l'ha venduta ho fatto il passaggio di proprietà al Pubblico Registro Automobilistico di Latina. La procedura è semplicissima, veloce e si risparmiano circa 100€! Tutta la documentazione (certificato di proprietà e tagliando da apporre sul libretto) viene rilasciata al momento: in circa 30 minuti, compresa l'attesa del nostro turno, abbiamo fatto tutto!

Per prima cosa mi sono preoccupato di reperire alcune parti che andavano sostituite per riportarla perfettamente originale: frecce, specchietti, portatarga e piastra del portapacchi. Ho acquistato tutte queste parti usate (ma in ottime condizioni) su eBay spendendo in totale circa 100€.

Come lavori ho praticamente eseguito un grosso tagliando: filtro aria e olio, olio motore, olio freni, candela; e poi ho effettuato la pulizia di tantissime parti che erano veramente molto sporche; questo il dettaglio dei lavori:

  1. sostituzione disco e pasticche posteriori (disco acquistato usato, ma praticamente pari al nuovo).
  2. Saldatura e verniciatura marmitte.
  3. Lucidatura dei collettori di scarico (sono di acciaio inox).
  4. Trattamento del serbatoio con resina anticorrosiva e sigillante (Power Tank).
  5. Installazione di una presa accendisigari.
  6. Riparazione di alcuni attacchi delle carene.
  7. Sostituzione frecce.
  8. Sostituzione specchietti.
  9. Ripristino portatarga originale.
  10. Installazione piastra portapacchi.
  11. Pulizia e lucidatura generale.
  12. Piccoli ritocchi a pennello di alcuni sgraffi.

L'unica cosa che mi è rimasta da sistemare è la sella che ha un piccolo taglio causato dall'usura del rivestimento; sui fianchi ci sono due belle scritte HONDA che voglio assolutamente mantenere, ma ancora non sono riuscito a trovare un tappezziere in grado di rifarle.
Proverò a cercare nei prossimi mesi in qualche fiera dedicata ai veicoli d'epoca dove ci sono artigiani specializzati nella ricostruzione delle selle di vecchi motocicli.

Causa il clima freddo ho utilizzato la moto solo per pochi chilometri e sembra non aver problemi. Sicuramente è molto più agile e leggera della BMW F800GS, anche se trattandosi di un monocilindrico le vibrazioni si fanno sentire parecchio.
Dopo le feste inizierò la pratica per iscriverla al registro storico dell'ASI e non dovrei incontrare problemi visto che la moto è "conservata" originale.

Ho scattato qualche foto nelle varie fasi della sistemazione:

Quando l'ho rimessa in moto dopo aver effettuato i lavori ho ripreso un breve video:

Un commento su "Honda NX650 Dominator: la mia nuova unstoppable motorrad!."

  1. La Arrow è omologata; l’ho acquistata su eBay – se non sbaglio – a 189€ spedita (era già ad un buon prezzo e la stavo osservando, quando il venditore ha fatto un prezzo speciale per 1 solo weekend).

    È un buon prodotto, molto più leggera ed ha anche migliorato l’erogazione del motore. A sx, nello spazio che è rimasto vuoto, c’ho installato un portaoggetti tubolare che uso per portarmi 1 litro di benzina come ulteriore riserva 😉

  2. bel lavoro, ma avevo visto il risultato al raduno dominator..
    la arrow è quella omologata?
    ciao
    claudio

2 Ping/Trackbacks per "Honda NX650 Dominator: la mia nuova unstoppable motorrad!"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *