Navigatore Garmin Zumo 500 D Europa

Possiedo uno scooter Silver Wing della Honda che uso intensamente, anche per fare mototurismo nei tanti luoghi d'interesse che offre l'Italia.

Come ho descritto qualche giorno fa in un post avevo adattato al mio scooter un vecchio navigatore Becker che, non essendo specifico per moto, non è impermeabile e quindi non può essere utilizzato quando piove.

Usando il navigatore durante le gite con lo scooter ho constatato che per poter essere utilizzato agevolmente deve avere alcune caratteristiche particolari; ad esempio, i pulsanti devono essere grandi per essere selezionati facilmente anche indossando i guanti, e lo schermo deve essere antiriflesso e con un forte contrasto per risultare leggibile anche con il sole: viste le difficoltà sperimentate ho deciso di acquistarne uno specifico per moto.

Sul mercato non c'è una grande disponibilità di navigatori impermeabili, e praticamente la scelta si riduce ai prodotti della TomTom (TomTom Rider) e della Garmin (Zumo).

Gli amici del SW Club mi hanno tutti consigliato il TomTom Rider; visto il prezzo proibitivo del nuovo, ho provato ad acquistarne uno usato versione 1 su eBay senza riuscire mai ad aggiudicarmelo in quanto tutte le aste a cui ho partecipato si sono concluse ben oltre i 300€ + spese di spedizione, prezzo a mio avviso troppo elevato per un navigatore non più in produzione.

Ho così iniziato a cercare un GPS della Garmin e la mia scelta è caduta, sempre per motivi di costo, sul modello Zumo 500D Europa.

Ho trovato un negozio online che lo vendeva a 262€, spese di spedizione incluse: l'ho ordinato e dopo un paio di giorni ho ricevuto il prodotto nuovo, sigillato nella sua scatola.

Controllando le caratteristiche del navigatore sul sito della Garmin alcune cose mi erano risultate poco chiare, ma mi sono fidato del "marchio" e l'ho acquistato pensando di trovare tutte le spiegazioni nei manuali d'uso/istruzioni.
Ad esempio, nel sito della Garmin non ero riuscito a scoprire le caratteristiche degli auricolari da collegare con tecnologia bluetooth, oppure la capacità della scheda di memoria SD aggiuntiva, o ancora i suggerimenti per usare il navigatore in auto.
A me sembra scontato, ma evidentemente non è così, che se una persona compera un GPS per la moto poi desideri usarlo anche sulla sua macchina!

Comunque, la confezione del Garmin Zumo 500D Europa contiene:

  • Navigatore con mappe d'Italia e Gracia (solo zona Atene) già precaricate
  • DVD con le mappe d'Europa ed un software per la gestione delle stesse (preparazione di itinerari e trasferimento di dati [mappe, percorsi e way points] sul navigatore
  • CD con il manuale d'uso del navigatore in formato .pdf
  • Supporti della Ram Mount per installare il navigatore sulla moto
  • Custodia
  • Caricabatteria AC (per casa)
  • Cavo di alimentazione per collegare il supporto all'impianto elettrico della moto
  • Cavo interfaccia USB da usare con il PC di casa
  • Un piccolo cacciavite con punta speciale Navigatore Zumo
  • 2 mascherine personalizzate di colore nero
  • Guida rapida di riferimento (un cartoncino che illustra in modo sintetico i comandi essenziali) Zumo Garmin
  • 2 adesivi Garmin
  • Vari foglietti tra cui uno di colore giallo-arancio con i codici di sblocco del software, che se lo perdete siete fottuti Garmin Zumo 500 Europa

La prima cosa che mi ha lasciato molto perplesso sono state le istruzioni suddivise su vari foglietti; io mi aspettavo di trovare il classico opuscolo/libricino con le solite istruzioni passo – passo.

Ho letto con cura le cose da fare, ho provato ad inserire una scheda di memoria SD da 4GB e verificato che venisse letta, poi ho installato il software sul PC di casa e quindi mi sono registrato sul sito Garmin per scaricare gli aggiornamenti.
La procedura di registrazione l'ho trovata lunga e complicata, non ricordo quanti plugin ho dovuto installare nel browser per poter completare la registrazione e scaricare l'aggiornamento: in poche parole … una vera rottura! Software Garmin Zumo

Finalmente sono riuscito a scaricare il file per l'aggiornamento delle mappe … una bestia che si chiama Garmin_rmu_cneunt2010.exe e che pesa zippato ben 3.03 GB (avete letto bene: 3.03 Gigabyte zippato).

Stando alle istruzioni del sito il programma si sarebbe dovuto avviare automaticamente, ma niente. Ho provato a lanciarlo, ma ogni volta mi faceva crashare il PC; ho pensato che il file si fosse corrotto durante il download e così l'ho scaricato di nuovo, ma ancora niente! Ho fatto una ricerca nel web ed ho scoperto che non ero il solo ad avere lo stesso problema dovuto al fatto che il file è compresso ed "autoscompattante" e che, in caso di difficoltà,  basta estrarre i files usando programmi come WinRar o 7zip. L'ho scompattato e … sorpresa: all'interno della cartella ho tovato un readme.txt che recita: "If you have manually extracted the compressed file run Setup.exe in the Windows subdirectory to begin the update process." .
Ma dico … cari tecnici della Garmin, visto che conoscete il problema perché non mettete una noticina nella pagina di download così evitate casini ai vostri clienti? GPS Garmin

Ilsupporto del navigatore Garmin ZumoDopo qualche oretta, completati finalmente gli aggiornamenti, ho iniziato a pensare a come poterlo usare sia in moto che in macchina visto che il kit della Garmin per montarlo sull'auto costa un "botto".

Per problemi d'impermeabilità lo Zumo non ha gli altoparlanti incorporati ma, oltre al bluetooth, dispone sul supporto di un jack per il microfono e di un'uscita per l'audio. Sullo stesso inoltre ci sono una presa per l'alimentazione elettrica ed una porta mini USB che, dopo varie ricerche, ho scoperto servire per il collegamento degli accessori come l'antenna esterna (la porta viene mostrata a pag. 5 del manuale; come usarla è invece a pag. 51 sotto la voce "Accessori opzionali").

Il supporto è abbastanza grande ed antiestetico per cui ho cercato una soluzione che mi consentisse di rimuoverlo rapidamente.

Visti gli attacchi esistenti mi sono procurato per 7 euro:

  • 2 spinotti elettrici maschio
  • 1 spinotto elettrico femmina
  • 2 spine da accendisigari

Ho tagliato il filo dell'alimentazione fornito con il navigatore vicino alla spina speciale da collegare al supporto ed ho installato lo spinotto elettrico maschio avendo cura di mettere il negativo sul polo esterno per evitare corti circuiti nel caso di un contatto accidentale con il manubrio che è a massa.

Il restante filo l'ho tagliato in due a misura ed ho montato uno spinotto femmina (il negativo sempre all'esterno) su un capo, ed una spina per accendisigari sull'altro. Un filo l'ho installato sul Silver Wing fissandolo con delle fascette a strappo; quando devo montare il navigatore mi basta collegare gli spinotti ed infilare la spina nell'accendisigari. L'altro filo invece lo uso in macchina passandolo semplicemente sul piantone dello sterzo.

Per poter fissare il navigatore nell'auto ho comperato un attacco commerciale a ventosa (~ 10€) con un braccetto a sfera a cui collego lo snodo della Ram Mount che sorregge il supporto.

Sistemata l'installazione e l'alimentazione elettrica sui due mezzi dovevo però ancora risolvere il problema dell'audio in macchina. È bastato acquistare dei minispeakers alimentati a batteria con jack da 3.5 mm (si trovano a 10-20€). Il navigatore Garmin Zumo 500D riproduce anche file audio MP3 caricati sulla scheda di memoria SD, se desiderate avere un suono di qualità potete collegarlo all'impianto stereo dell'auto; sulla mia che ha il lettore di cassette ho utilizzato un vecchio adattatore che s'inserisce al posto del nastro … et voilà … anche l'audio stereo!

Ilnavigatore Garmin Zumo installato in un'auto

Il navigatore Garmin Zumo installato in un'auto
notare i mini speakers per l'audio ed il cavetto per l'alimentazione elettrica prelevata dall'accendisigari

Per ascoltare la musica e/o le istruzioni vocali sullo scooter al momento uso dei normalissimi auricolari; caso mai quando vorrò integrare il navigatore anche con un telefono cellulare bluetooth cercherò un prodotto tipo quelli commercializzati dalla Cardo.

Il sistema di blocco del navigatore Garmin ZumoA questo punto sicuramente vi chiederete: ma il cacciavite speciale a che cosa serve? Il navigatore viene bloccato nel supporto da un sistema a fuoricentro. Per sicurezza hanno messo una vite microscopica che fissa la linguetta di blocco. La vite ha una filettatura che, anche se non viene avviatata, lo fa  spontaneamente con le vibrazioni. Morale della favola: ogni volta che si vuole togliere il navigatore dal supporto (ad esempio quando ci si ferma per prendere un caffè) è necessario usare il cacciavite!!! Navigatore GPS garmin Zumo

Per concludere questa lunga chiaccherata, a mio parere:

  1. La Garmin dovrebbe migliorare le istruzioni che al momento appaiono scarse e poco chiare;
  2. semplificare/riunire i software. Adesso ce ne sono tre: uno per pianificare/aggiornare, un'altro per installare gli aggiornamenti ed un'altro ancora per gestire i POI (Point of Interest). 3 sono veramente troppi, basterebbe un programmetto gratuito come ITNconv se il navigatore accettasse files standard.
  3. Non è pensabile commercializzare un navigatore da moto che per essere utilizzato in auto necessita di un ulteriore kit che costa ben oltre i 100€, con poche modifiche introdotte in produzione il prodotto sarebbe usabile su mezzi diversi senza dover acquistare componenti aggiuntivi.
  4. Serve una soluzione migliore per il blocco di sicurezza: la micro-vite è veramente poco pratica; un cavetto con un piccolo moschettone da fissare ad uno dei tanti cavi sul manubrio delle moto è un sistema molto più semplice, ma anche più efficace della vite di blocco perché se si rompe il supporto il navigatore rimane comunque attaccato alla moto!

Riflessione finale

Quando un marchio o un prodotto hanno un gran successo c'è sempre un motivo; ed in genere sono la facilità d'uso e la compatibilità con sistemi standard a fare la differenza!

Installazione di un navigatore satellitare (GPS) sul Silver Wing

I navigatori satellitari sono una gran comodità specie quando si viaggia in zone poco conosciute. Siccome con il mio Silver Wing ho intenzione di compiere lunghi viaggi anche all’estero ho deciso di dotarlo di un navigatore satellitare. Ci sono diverse case che commercializzano prodotti specifici per moto (TomTom e Garmin, tanto per citare i più famosi) le cui principali caratteristiche sono di essere impermeabili, compatti … ed abbastanza costosi.

Poiché avevo a disposizione un vecchio Becker ho provato ad installarlo sul mio Silver Wing. All’inizio ho pensato di montarlo al centro del manubrio utilizzando una piastra autocostruita da fissare utilizzando i due bulloni esistenti, ma poi ho preferito collegarlo ad un "corno" del manubrio in modo da posizionarlo alla stessa altezza dello specchietto retrovisore, questo per poterlo raggiungere con un colpo d’occhio senza distogliere lo sguardo dalla strada. 

Grazie al forum del Silver Wing Club Italia Top Rider ho scoperto che in Italia c’è una ditta che commercializza i componenti di fissaggio della Ram Mount che permettono di installare vari accessori come telefoni cellulari, palmari, computers portatili, navigatori satellitari, canne da pesca, bicchieri, videocamere, macchine fotografiche, etc su qualsiasi tipo di veicolo: dall’aeroplano alla bicicletta, dalla moto alla canoa!

Consultando il catalogo online della Ram Mount ho visto che per l’installazione di apparati elettronici sul Silver Wing sono disponibili varie soluzioni; io ho scelto una staffa collegabile ai bulloni di fissaggio delle leve dei freni, un’asta snodata da 9 cm ed un supporto universale regolabile adatto per palmari e telefoni di varie dimensioni.

L’installazione si è rivelata semplicissima; è bastato rimuovere gli elementi di fissaggio originali ed installare la staffa Ram Mount sostituendo i bulloni  con altri dello stesso diametro, ma lunghi 5 cm.

NOTA: quelli forniti con la staffa non sono adatti in quanto hanno il passo della filettatura diverso, ma basta recarsi in un qualsiasi negozio di ferramenta/autoricambi per trovarli.

Per sostenere il mio navigatore satellitare Becker – che ha uno spessore "rilevante" di circa 3 cm – ho assemblato il supporto universale come indicato nella foto utilizzando alcuni degli elementi in dotazione (vengono forniti 14 pezzi di varie dimensioni che permettono di realizzare configurazioni diverse idonee a sostenere accessori di tipo e dimensioni differenti).

Il supporto per il navigatore satellitare

Come si vede dall’immagine, per essere certo di non perdere il navigatore durante la marcia ho preferito bloccarlo anche con due elastici ricavati tagliando una vecchia camera d’aria.

Terminata l’installazione del supporto ho sistemato l’alimentazione elettrica utilizzando come presa quella di cui è dotato il Silver Wing nel vano porta oggetti sinistro. È bastato praticare un foro e far passare il cavo dell’alimentazione ancorandolo al manubrio come indicato nella foto. Per evitare infiltrazioni d’acqua ho sigillato il foro con un po’ di silicone.

Il cavo di alimentazione del navigatore satellitare

Ho provato la praticità d’uso del navigatore in marcia e mi sembra buona; certo rimane il grosso handicap che non è impermeabile. La predisposizione che ho fatto è comunque utilizzabile con qualsiasi tipo di navigatore, per cui quando avrò qualche soldo in più da spendere mi basterà cambiare il mio Becker con un navigatore impermeabile da moto … per adesso quando piove lo proteggo con una busta di plastica Navigatore Satellitare sul Silver Wing !

Navigatore satellitare installato sul Silver Wing

E questo è il navigatore satellitare in uso durante una gita con il Silver Wing