Zuppa di orzo

Ingredienti (per 4 persone):

  • 200 gr di orzo perlato
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 80 gr di pancetta affumicata
  • 1 foglia di alloro
  • 2 lt di brodo vegetale
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • sale e pepe q.b.

Preparazione:

  1. Mondate, lavate e tritate grossolanamente cipolla, carota e sedano.
  2. Tagliate la pancetta affumicata a dadini.
  3. In una casseruola con l’olio fate rosolare la pancetta e le verdure a fuoco basso.
  4. Quando il soffritto è pronto aggiungete l’orzo e fatelo tostare per un paio di minuti mescolandolo in modo da farlo insaporire per bene.
  5. Bagnate con il brodo, unite la foglia di alloro e cuocete l’orzo per il tempo indicato sulla confezione (generalmente 18-20 minuti). Aggiungete il brodo per regolare la densità della minestra secondo i vostri gusti. Poco prima del fine cottura aggiustate anche di sale.
  6. Togliete la minestra dal fuoco, eliminate la foglia d’alloro e servite la zuppa d’orzo ben calda spolverizzandola a piacere con del pape macinato al momento.

NOTA: l’orzo perlato non richiede ammollo e ha un tempo di cottura contenuto; seguite comunque le istruzioni riportate sulla confezione del prodotto da voi scelto.

Risotto con farro, orzo e riso allo zafferano

Ingredienti (per 2 persone):

  • 180 gr di miscela ai 3 cereali (riso parboiled, orzo perlato precotto e farro perlato)
  • 25 gr di cipolla
  • brodo (anche di dadi), circa 1 lt
  • zafferano (ved. nota)
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • una noce di burro
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

Preparazione:

  1. Mentre si mantiene il brodo bollente, in un tegame bagnato con il cucchiaio di olio far appassire la cipolla; aggiungere quindi la miscela di cereali e tostare per pochi minuti. Versare con un mestolo gradualmente il brodo ed iniziare la cottura che richiederà circa 20 minuti.
  2. A metà cottura aggiungere lo zafferano e continuare versando il brodo come necessario e mescolando.
  3. A cottura ultimata, spegnere il fuoco e mantecare con la noce di burro ed il parmigiano grattugiato. Servire ben caldo.

NOTA: non è possibile consigliare una q.tà di zafferano perché dipende dalla qualità del prodotto; è necessario quindi regolarsi in base alle caratteristiche di quello che si sta utilizzando.