Italiani fascisti e razzisti (!?)

In Italia per legge non si può essere fascisti; e quindi non si può parlare bene del Fascismo, non si possono condividerne le scelte politiche e di metodo e non si possono giustificarne gli operati.

Io mi sono diplomato nel 1970 e quindi ho vissuto il periodo del ’68, le conquiste della classe operaia negli anni ’70 (ad esempio, lo Statuto dei Lavoratori), il boom economico degli anni ’80 (la Milano da bere del periodo craxiano), e poi la "Tangentopoli" del ’92.

Benito MussoliniHo sempre sostenuto – e sostengo tutt’ora – che il Fascismo non fu una dittatura e che il Duce, il Cav. Benito Mussolini, diventò il capo supremo del Popolo italiano perché così voleva la stragrande maggioranza della gente; così come ho sempre negato l’esistenza di un significante movimento di resistenza interno durante gli anni del ventennio fascista. Con quest’ultima frase non voglio dire che non esistessero degli oppositori, ma solo che erano uno piccolo insignificante gruppetto d’intellettuali in assoluta minoranza; in parole semplici pochi "disfattisti, pessimisti comunisti" che non condividevano le scelte politiche ed il volere della maggioranza del popolo.

Ma qual è la ragione di questa mia convinzione?

Più che le letture mi ha convinto il fatto che parlando con tante (credetemi, veramente tante) persone anziane difficilmente ho trovato degli antifascisti (per dovere di cronaca ricordo solo qualche ebreo di cui uno in particolare che mi mostrò il numero di matricola tatuato su un braccio mentre con le lacrime agli occhi mi raccontava le atrocità che aveva visto nei campi di concentramento); tutti mi hanno sempre descritto uno Stato dove ogni cosa funzionava e tutti erano felicemente occupati, con i treni che arrivavano sempre in orario e soprattutto senza delinquenza  …  <<si poteva dormire con la porta aperta!>>.

Praticamente l’Italia fascista me l’hanno raccontata come un paradiso terrestre con cibo in abbondanza, assistenza sanitaria ed una confortevole casa per chiunque. E poi la grandezza dell’Impero con tutto il bene che gli italiani hanno fatto nelle colonie d’Africa: strade, ponti e civiltà erogati gratuitamente ad esseri arretrati ed incivili tanto che si cantava:

Se tu dall’altipiano guardi il mare,
Moretta che sei schiava fra gli schiavi,
Vedrai come in un sogno tante navi
E un tricolore sventolar per te.

Faccetta nera, bell’abissina
Aspetta e spera che già l’ora si avvicina!
quando saremo insieme a te,
noi ti daremo un’altra legge e un altro Re.

(Ascolta la canzone)

Manifesto di propaganda fascistaL’unica cosa che tutti mi hanno sempre detto è di aver rimproverato al Duce di "aver fatto la guerra"; mai, ripeto MAI, ho sentito una parola di critica verso l’abolizione dei partiti, la riduzione delle libertà individuali, l’introduzione delle leggi razziste oppure l’indottrinamento del giovani organizzati, ad esempio, in Balilla o Figli della Lupa dalle istituzioni fasciste (Opera Nazionale Balilla, Gioventù italiana del littorio, etc).

Questa esperienza è stata per me un’ulteriore prova che in quegli anni il movimento fascista fu straordinariamente forte  tanto che, godendo di un consenso popolare enorme, potè governare incontrastato per oltre vent’anni l’Italia. Attenzione, non sto negando l’aspetto totalitario del regime, ma solo affermando che le decisioni prese dal Capo Supremo (Il Duce) furono sempre completamente condivise dal popolo italiano.

Qualche anno fa, per il solo fatto di sostenere che il Fascismo non fu vera dittatura (inteso come regime assoluto dispotico imposto con forza da un dittatore), venivo additato come fascista, uomo di destra, anticomunista ed antidemocratico. Pazienza … il tempo è galantuomo!

Gli italiani hanno tante caratteristiche positive, ma ne hanno anche alcune negative che sono devastanti per la vita politica dell’Italia. Ad esempio sono ignoranti (non amano leggere, studiare, informarsi), dimenticano troppo rapidamente e sono sempre disposti a perdonare.

Berlusconi insieme CraxiPassano gli anni … e così, dopo tangentopoli e la crisi dei partiti classici, gli italiani iniziano a scordare i nomi dei tanti politici coinvolti negli scandali, cominciano a stufarsi dei troppi partiti che affollano le liste elettorali, ma soprattutto perdonano i tanti pregiudicati e piduisti che si ripresentano sul palcoscenico politico italiano riciclati in nuovi partiti che promettono sicurezza, meno tasse, lavoro per tutti ed efficienza nei servizi pubblici.

Intanto si dimissiona qualche giornalista non allineato, si rinsalda una solida intesa con i maggiori banchieri, petrolieri ed imprenditori italiani, si fanno leggi per depenalizzare alcuni reati, si permettono operazioni finanziarie prima illecite e così si arriva al periodo attuale in cui io vedo molte analogie con il ventennio fascista: voluto dal popolo, che lo ha democraticamente e coscientemente eletto per la seconda volta, ora abbiamo un capo del governo che in tanti atteggiamenti a me ricorda Mussolini.

Decisionismo, disprezzo per il Parlamento ritenuto solo un intralcio, leggi ad personam promulgate per impedire procedimenti penali, continui richiami al comunismo (morto e sepolto da ormai venti anni – il Muro di Berlino crollò nel 1989), ossessivo apparire in tutte le manifestazioni ed eventi – anche tragici, atteggiamento da macho sciupafemmine sempre in forma e circondato da giovani belle donne, bugie su innumerevoli situazioni (dall’Alitalia alla bruttissima storia della ragazza che lo chiama "papi"), impegni quasi mai mantenuti, abitudine a scaricare la colpa sugli altri oppure su eventi eccezionali, dichiarazioni compromettenti regolarmente smentite (questo Mussolini per la verità non lo faceva) ed accuse continue ai suoi avversari di catastrofismo, pessimismo e disfattismo.
Recentemente poi si sono sentite anche frasi come: "siamo il ventre molle dell’Europa", "i musi gialli", "organizzazione internazionale inutile" che tanto ricordano il linguaggio in uso nel ventennio.

Di fronte alle decisioni prese ed ai comportamenti del Capo del Governo come hanno reagito gli italiani?

I sondaggi effettuati anche dall’opposizione dimostrano che l’indice di gradimento del Governo e del suo Capo è altissimo, in aumento, praticamente a livelli "bulgari"; è anche successo che alcune vicende moralmente condannabili – che in altri paesi avrebbero causato le dimissioni dell’esecutivo – da noi invece hanno generato un aumento del consenso verso il Premier.

In poche parole gli italiani hanno il capo che volevano e ne approvano incondizionatamente l’operato!

A mio parere basta essere contro una società multietnica e condividere leggi dirette a limitare le libertà personali (ad esempio la libertà di morire – caso Eluana Englaro rapidamente dimenticato) per essere razzisti e fascisti; siccome però il mio pensiero non conta niente di fronte al volere della stragrande maggioranza della gente, me ne sto buono buono a scrivere queste cazzate mentre mi preparo ad emigrare in un paese democratico, sperando che mi accolga come rifugiato politico senza rispedirmi in Italia.

"Italiani, questa è l’epoca nella quale bisogna sentire l’orgoglio di vivere e di combattere!"


Una nota di buon umore: qualche tempo fa l’On. Clemente Mastella rispondendo a chi gli chiedeva perché cambiasse spesso schiaramento rispose più o meno così: "non sono io che cambio, io sto sempre al centro: sono gli altri che si spostano".
A me qualche anno fa davano del fascista, oggi invece mi bollano come comunista … vuoi vedere che sono come Mastella?

Avvertenza: gli insulti al sottoscritto sono liberi, ma per favore non offendete altre persone e non inserite commenti razzisti altrimenti sarò costretto ad applicare una censura di tipo fascista/comunista.

Un commento su "Italiani fascisti e razzisti (!?)."

  1. @bijohn481

    Questo mio è scritto è di circa 6 anni fa ed il mio “giudizio” sugli italiani non è assolutamente cambiato, ma anzi – grazie anche ad eventi recenti – si è rafforzato 🙁

    Non era (e non è) mia intenzione discutere l’operato di un governo o regime (come giustamente tu lo hai definito), ma solo esternare la mia convinzione che il Popolo italiano da sempre guarda con favore ai “leaders forti”.

    Provo a spiegarmi meglio … a mio parere la maggior parte degli italiani sono molto sensibili al populismo autoritario, inteso come un rapporto diretto fra il leader e le masse 😉

    Giusto?
    Sbagliato?

    Per me è sbagliato: l’ho scritto 6 anni fa e lo riconfermo oggi 🙂

  2. ma……. il tuo ragionamento non fa una piega, ma omette l’altra faccia della medaglia. Se un piatto di minestra non vale una opinione, allora era un regime, ne più ne meno come quello di Stalin, di Itler e di Tito. Leggendo le tue riduttive informazioni mi sembra di parlare con qualche rosso accecato che dice che Tito liberò l’istria dal fascismo e buttò nelle Foibe i fascisti. E’ vero nella stessa misura di come la racconti tu! L’ideologia Russa era quella di creare il panico nella popolazione eliminando la parte dirigenziale: se in Istria, terra Italiana (RAMMENTATELO BENE) in quel periodo vi era il fascismo, per logica, qualche fascista nelle foibe c’è andato, ma in maggioranza sono state persone che avevano il solo “difetto” di essere Italiani, abbandonati dal fascismo in quanto minoranza. A stalin serviva il porto di Trieste, sai cosa gliene fregava di un migliao di Istriani? Per realizzare le belle opere nelle colonie il “caro” duce ha mandato a miglior vita 1.200.000 persone (non sono stime mie). Nulla in confronto dei morti per il Comunismo o per il Nazismo? Vero, ma per me se uno uccide è un boia, a meno che tu no sia un ragioniere ed allora saprai fare di conto. Le deportazioni degli ebrei dall’Italia sono avvenute a Babbo morto (benito era in carcere), ma le sue leggi sulla razza hanno messo alla fame migliaia di Italiani di religione ebraica impedendogli non di fare la vita che tu dici di buffetti e scherzetti, ma nemmeno di poterla pensare e le hanno consegnate ai boia nazzisti.I tre mali del novecento finiscono tutti con ….ismo: fascismo, nazismo, comunismo, talmente pericolosi dal dover ratificarsi dei patti di non aggressione con l’accordo molotov. Due belve insaziabili di sange ed un emerito coglione.

  3. Caro Balilla, grazie per il tuo intervento che permette alle nuove generazioni di capire che cosa fu il fascismo 🙂

    La prossima volta che intervieni magari prova ad evitare termini offensivi, altrimenti rischi che te li “purgo” . . . così impari che cosa significa la parola “censura” 😉

    Hai però dimenticato di scrivere che quando c’era Lui i treni arrivavano in orario e che le porte delle case si potevano lasciare aperte, così la lista sarebbe stata completa 😐

  4. Quante capre sapienti, espressione dell’italico gregge, mi raccomando non andate a studiare la storia potreste inciampare nei libracci che per settant’anni vi hanno propinato, fate di meglio indagate, siate famelici di verità, fatevi delle domande e se le risposte non vi convincono ritornate daccapo. Chiedetevi come mai Mussolini fu accoppato notte tempo senza dargli modo di difendersi e senza offrirgli la possibilità di un regolare processo, domandatevi chi fosse Tito Zaniboni e come fu trattato da Mussolini malgrado attentò alla sua vita, chiedetevi perché Priebke sarà ricordato sempre e comunque come il criminale che ha ucciso 330 italiani eseguendo un ordine e applicando una regola di guerra scientemente ignorata dai partigiani, chiedetevi come mai invece un certo Paul Tibbets aviatore USA che sganciò la bomba atomica su Hiroshima facendo tutto d’un colpo 100.000 morti non vi è traccia tra i criminali di guerra e anzi molti di voi nemmeno lo conoscono. Riflettete, interrogatevi su quanti ebrei furono di fatto messi a morte dai fascisti, chiedetevi se anche voi vi foste trovati al posto dei nazisti con un alleato traditore e voltagabbana se non vi sarebbero girati i coglioni. A tutto questo care le mie capre dovete fare un esercizio fondamentale , dovete riuscire a riportare la vostra zucca vuota all’epoca dei fatti , forse riuscireste a comprendere al meglio i condizionamenti e gli stati d’animo dell’epoca, andate ad indagare sulle leggi razziali fatelo con mente aperta e scevra da preconcetti e pregiudizi vi renderete conto che Mussolini e non lo dico io ma è ben documentato ( chi vuole in privato mi manda mail e gli mando una congrua documentazione con date nomi e circostanze) non ha mai attuato una politica di persecuzione ma forse e giusto per un fatto di facciata una scialba politica discriminatoria , studiate senza fare confusione, non confondete le nefandezze nazziste con quelle fasciste con quelle enormemente più grandi dei compagni comunisti, indagate su quanto fatto tra il 1932 e il 1933 in Ucraina dal compagno Stalin. Studiate le fetenzie americane, chiedetevi perché bombardavano a tappeto ed indiscriminatamente tutto quanto avessero a tiro, chiedetevi sul bombardamento di Dresda, di Cassino,sull’uso delle bombe al fosforo e al magnesio, chiedetevi perché gli alleati, inglesi in testa, in più di un occasione respinsero piroscafi di ebrei che scappavano, chiedetevi e indagate se gli USA sapevano da tempo dei campi di sterminio, chiedetevi come mai tanti ebrei provenienti da mezza Europa Francia compresa preferirono rifugiarsi in Italia dove tutto sommato non se la passarono poi malissimo, fatto salvo il periodo immediatamente successivo all’ 8 settembre quando l’indole “badoglina” “voltagabbanesca ” codarda del popolo italico si celebrò in tutta la sua ridicola drammaticità,consegnando ai posteri l’idea di un popolo di traditori e senza palle, domandatevi come mai un fascista come Almirante ebbe a salvare più di un ebreo. Care le mie capre abbiate fame di verità smontate tutte le cazzate che vi hanno propinato in tanti anni di menzogne ed analizzatele ad una ad una, senza fretta e senza pregiudizi leggete a destra e a manca sentite tutte le campane chiedetevi come mai tanti intellettuali alcuni tutt’altro che fascisti ad un certo punto della loro vita hanno dovuto ammettere che il fascismo è stato il minore dei mali in un periodo storico dove la merda imperava. È ricordate che una bugia ripetuta tutti i giorni per ottant’anni alla fine diventa verità. Leggete studiate caproni comunisti.

  5. I miei nonni e gli anziani della mia terra (non dirò quale) non mi hanno parlato tanto bene del Fascismo.
    Una delle cose che mi ha colpito è la razionalizzazione della farina… troppo poca per realizzare pasti dignitosi
    per tutti i figli, che molto spesso si ritrovavano a fare la fame, e quindi dovevano allevare e coltivare animali e
    colture nonostante per l’epoca fosse illegale… se li “scambiavano” ma non potevano vendere, perché solo lo
    Stato poteva vendere. Però quello che dava lo Stato era una miseria.
    Questo è ciò che mi hanno sempre riferito gli anziani della mia terra. Certo mi hanno riferito alcune cose positive,
    come la Scuola… ma poi mi parlano dei bombardamenti tedeschi (non erano nostri alleati?), che spesso
    bombardavano mentre uomini e donne lavoravano nei campi ed erano costretti a rifugiarsi in “bunker”
    per niente sicuri.
    Paradossalmente, chi mi parla assolutamente bene del Fascismo, sono persone che non l’hanno mai vissuto.

    Paradossi delle ideologie umane.

  6. sono del parere che il fascismo/nazismo di oggi sià solo un pretesto per distinguersi dalla società comune, attirare un pò di attenzione verso se stessi e quindi EGOISMO. se il fascismo fosse legale di fascisti cene sarebbero molti di meno.

  7. Rispetto dellla democrazia e della costituzione non sono proprio ideali della destra, vorrei sbagliare. . .
    !ci sono ! ! ! sei mancino ? 😉

  8. Per destra vera intendo un qualsiasi movimento/partito rispettoso della Democrazia e della Costituzione.

  9. Intendi il PNI di Saya per la vera destra? O il movimento FeL di Pisanò/Geri?

    Che caldo ! ! !

  10. @ Vecchia Guardia

    Rispetto la tua posizione, ma non condivido NULLA.
    Soprattutto non mi piace l’accostamento del fascismo alla destra vera!

    L’ho già detto: a mio parere ci sono molte cose in comune solo tra fascismo, berlusconismo e craxismo.

    Tutti e tre i “movimenti” inneggiano alla famiglia, ma poi se ne fregano!
    Tutti e tre amano poco la democrazia.
    In tutti e tre c’è il culto della personalità!
    In tutti e tre c’è la disinformazione ….
    La lista è lunghissima, continuo ASAP 🙂

  11. Non prendere le mie espressioni come tassative, per fascista intendo di destra, incline alla dittatura. Politicamente nonostante l’aspetto, sono molto informato, per passione non solo per aver letto molto, solo che “non sono d’accordo” praticamente con nessuno. Dopo una giovinezza di destra con approfondito delle causa e della sinistra, nella maturità (si fa per dire) sono diventato assolutamente anarchico e libertario. . . non certo liberista. ;-))) In ogni modo non sono democratico, anzi sono convintonto che la democrazia non solo non può esistere, ma neppure può funzionare. Ciao buona giornata

    scusa la fretta, ma il piccolo incalza, oggi è il suo primo compleanno.

  12. Ciao Vecchia Guardia,
    benvenuto nel mio blog e grazie per il commento.

    Una cosa sono la linea di comando e la gerarchia, un’altra è il fascismo!
    Ho volato con tanta gente che, ovviamente, la pensava in maniera diversa; molti erano ex militari, una buona percentuale di destra, ma di fascisti ti assicuro che ne ho incontrati veramente pochi.
    Forse sono stato fortunato?
    Forse non ho approfondito?
    Non lo so, può essere;
    ormai è passato troppo tempo e la società italiana in questi ultimi anni è cambiata profondamente!

    Posso però confermarti che nella mia esperienza quotidiana trovo molti più “fascisti” tra la gente che non ha studiato e che non s’informa, e che così neanche sa quale dramma rappresentò per l’Italia il Fascismo.

    A me sembra che oggi si fa confusione tra i vari “movimenti” ed infatti mi chiedo: come è possibile scambiare il “Berlusconismo” con un pensiero di destra? Oppure, come è possibile guardare al “Craxismo” e vederci un movimento socialista? A mio parere sono cose completamente diverse, e personalmente trovo molte affinità solo tra fascismo, berlusconismo e craxismo!

  13. Bè, sono punti di vista, ma non c’è niente di male nell’essere fascista, col lavoro che facevi non c’era altra possibilità, in aria sono tutti fascisti. . . in aria c’ho passato 600 ore prima di congedarmi, ero ufficiale in aeronautica, speravo di farlo di mestire (come tuo figlio) fino a che ho avuto un incidente e non mi hanno rinnovato il brevetto militare per motivi fisici, avrei dovuto stare a terra e non m’andava. Nell’80 ho dovuto cambiare lavoro e ho cominciato a fare l’ingegnere in una squadra corse, prima per una ditta italiana, poi giapponese, sempre motociclette, ho ereditato una concessionaria (Guzzi) che ancora è il mio lavoro più importante (non più Guzzi ovviamente) Ho un’officina dove faccio la manutenzione dei motori avio Rotax Continental Lycoming, con pista in erba da 650m Volo su un mio autocostruito, se vuoi venire a farti un voletto, sono spesso a Fiano romano. Bene mi ha fatto piacere leggere questo tuo blog. Non c’è nulla di male ad essere fascista. . . almeno per me che vivo da sempre in mezzo agli aviatori.

  14. @ Papi

    Sono d’accordo con te; ma il Presidente (o Premier, o chiamiamolo come ci pare) non deve avere la possibilità di manipolare le masse utilizzando una miriade di mezzi di comunicazione ed un potere economico senza uguali.

    Stiamo vivendo una situazione politica che non si è mai vista nei Paesi democratici, e la cosa mi preoccupa molto 🙁

  15. Ciao Brag, in parte la tua analisi è corretta.
    Anche io ho “sempre” trovato qui nel Lazio anziani che non criticavano l’operato del fascismo (in generale) MA avendo vissuto anche in Toscana devo dar ragione anche a “un passante”.
    Geograficamente quel periodo e’ stato vissuto molto diversamente sia per il sistema di vita di allora che per l’accesso ai “servizi” quali, ad esempio, l’approvvigionamento del cibo che mentre nel lazio era piuttosto capillare in Toscana, all’epoca a prevalenza contadina, rappresentava una enorme difficoltò in quanto le distanze per reperire le cibarie erano davvero elevate e senza i mezzi di trasporto ai quali oggi siamo abituati… ma non è che un solo esempio.

    In ogni caso, secondo me, l’Italiano di oggi è davero stanco di quanto accaduto politicamente dagli anni 80 ad oggi. Una democrazia che in realtà è sempre stata una coercizione della libertà che ci ha visti liberi di votare politici coesi nelle diversi fazioni e con un unico intento… arricchirsi.

    QQuello che sta accadendo oggi, credo, è che l’Italiano sia in cerca di qualcuno che si prenda la responsabilità delle sue azioni… nel bene e nel male e dove non ci sia più lo scarica barile del passato dove se, per esempio, veniva stanziato un fondo… prima di arrivare a destinazione passava per cosi tante mani in modo da rendere impossibile determinare CHI fosse il responsabile della sottrazione prima dell’arrivo a destinazione.

    Personalmente sono un grande sostenitore delle republiche democratiche presidenziali dove per qualsiasi cosa accada il reposnsabile è sempre il Presidente. Non che sia una garanzia, come la storia ci ha insegnato, ma penso che sia una tutela maggiore per i cittadini che si identificano in una sola persona e se qualcuno del suo entourage sbaglia ne risponde il Presidente in prima persona… e… a casa e si cambia.

  16. Ma ke ca$$o ci state a fare al mondo topi di mer$a skifosi. La lezione del maiale e della troia [etc, etc] »»» censurato dall’admin

    @ miali: se vuoi puoi esprimere gli stessi concetti senza volgarità!

  17. @ passante

    Grazie per il commento; tengo a precisare che non ho scritto che non ho … mai sentito opinioni contrarie al regime, ma solo che … persone anziane difficilmente ho trovato degli antifascisti … .

    Per la cronaca vivo nella zona dei Castelli Romani, poco a sud di Roma.

  18. Che la maggioranza degli italiani fosse pro-dittatura è possibile, non sono abbastanza informato per contraddire o confermare. D’altra parte è plausibile, dato che l’Italia era il paese col più alto tasso di analfabetismo in Europa. Conquistare il cervello di una persona ignorante è molto semplice, non c’è bisogno nemmeno di metter su una dittatura.

    Una cosa però trovo poco credibile, che lei non abbia mai sentito opinioni contrarie al regime. Ora io non so in che parte d’Italia lei viva, ma la mia esperienza a riguardo è opposta, non so se dipende dal fatto che sono toscano. Non ho avuto nonni nella Resistenza, però qui in Toscana i “vecchi” pro-mussolini che ho conosciuto nella mia vita sono davvero casi rarissimi, la stragrande maggioranza accenna a quel periodo comunque come ad momento tragico, perché chiunque uscisse anche di poco dai tracciati stabiliti dal regime passava guai. L’accenno alla assenza di libertà di manifestare il proprio pensiero è sempre stato presente, oltre al fatto della guerra.
    Ho sempre notato il peso alla cappa che il regime metteva su ogni questione della vita, dal lavoro, all’istruzione, alla famiglia, ai figli, al commercio. Non è questione di ambiente familiare di sinistra perché non ho manco un parente di sinistra, eppure quel periodo non l’ho mai sentito rimpiangere.

    Può darsi che nelle parti più arretrate d’Italia il regime non fosse malvisto, d’altra parte ad una mucca vivere in democrazia o in un regime non cambia nulla. Per la maggior parte delle persone la libertà di azione è un dono non richiesto, dato che vogliono essere comandati a loro non importa se li guida un pastore eletto democraticamente o un dittatore.

    Sul colonialismo invece è vero che gran parte delle persone non sa minimamente cosa sia accaduto, pensano che in Africa l’Italia sia andata a far beneficienza. Questo semplicemente perché l’Italia non ha mai fatto i conti col passato, cosa che hanno fatto invece i tedeschi.
    In Italia l’informazione molto difficilmente racconta verità scomode agli italiani, se ciò accade è solo in programmi di nicchia, non certo al Tg1,Tg2 o Tg5.

  19. trovo l’analisi sostanzialmente corretta(ora mi darano del fascista).Certo! Mussolini trovò un numero di antifascisti irrisori che non rappresentavano numericamente niente.Solo con il passare degli anni quando l’Italia era a margine del conseso mondiale si sentì qualche mugugno,ma nella stragrande maggioranza l’Italia era fascista di convinzione.Parlando con gli anziani (ormai morti) dicevano che durante il fascismo chiunque poteva fare quello che voleva(il gioco d’azzardo,non lavorare,bighellonare……)a patto non si interessasse di politica ,la libertà era garantita.Vien da pensare che i professionisti dell’antifascismo la storia l’hanno scritta dopo. Vorrei raccontare un’episodio comico narratomi da un’anziano al ritorno dalla prigionia . Costui convinto fascista ritornò a casa dopo anni di prigionia in Africa e la cosa che fece per prima fù quella di andare in piazza per cercare vecchi amici o conoscenti. Notò che tutti indossavano la camicia rossa ,pure quelli che in passato avevano inneggiato al Duce. Stupito chiese loro”ma tu non eri fascista come me?” alla domanda non nascondendo un certo imbarazzo risposero che in cuor loro erano sempre stati antifascisti. Siamo camaleonti ,a parte i veri antifascisti che hanno pagato di persona,gli altri che ci sia il Duce o Berlusconi per loro è uguale,sono sempre pronti a cambiare opinione per interesse.Mastella è il loro mentore,purchè si magni.

  20. Condivido in pieno. In genere l’opinione media sul fascismo è che fino al ’38, prima delle leggi razziali, era, alla fin fine, una cosa positiva. Ovviamente non sanno dell’incendio del Narodni dom, risalente al 1920, né si rendono conto che con giornali censurati era impossibile sapere di tutte le cose che non andavano bene (per fortuna che oggi c’è internet)

    Aggiungici anche la condizione attuale al contorno economico analoga al ’29 e vengono i brividi. L’unica grossa differenza penso che sia l’età dei “protagonisti”. Sono curioso di vedere l’Italia del dopo-Berlusconi.

    PS la sai la scenetta di Cecchelin? Un ipotetico concorrente di “lascia o raddoppia”:

    D: Quanti fascisti c’erano in Italia prima della guerra?
    R:45 milioni
    D: Esatto. Lascia o raddoppia?
    R: Raddoppio!
    D: Bene. Seconda domanda: Quanti antifascisti c’erano in Italia dopo la guerra?
    R: 45 milioni
    D: Esatto! Il nostro concorrente è ferratissimo!

    poi va avanti con altre domande che non ricordo, ma alla fine non sa rispondere alla domanda da un milione: “L’Italia, la guerra dal 40 al 45, l’ha vinta o l’ha persa?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *